‘Nu jeans e ‘na maglietta

In queste ore in Rai stanno analizzando freneticamente tutti i filmati, che peraltro avevano già visto, con una meticolosità che ricorda la Stasi, all’epoca del Muro. La vigilanza, che è alla base di tutto, non è stata perfetta, anzi, perchè l’ex comico Enrico Montesano, durante le prove del programma “Ballando sotto le stelle”, la maglietta fascista della Decima Mas l’ha sempre portata. Chi controllava, sapeva. E forse l’unica giustificazione possibile da parte dei vigilanti è che fossero, e siano, ignoranti, che non conoscano la Storia e forse assai poco di ciò che non siano “prime serata” e “audience”.

Montesano, che una certa età ce l’ha ma non abbastanza da aver vissuto le atrocità della guerra, ci ha messo del suo, facendo anche il saluto romano daventi alla telecamere che, appunto, non controllavano. E’ stato espulso dalla trasmissione – il mondo del ballo se ne farà una ragione – ma ha conquistato quella popolarità che cercava: nuovo mito dell’estrema destra (“Che coraggio ha avuto!”) che già simpatizzava per lui come no-vax.

Ma come è stato possinìbile che la Rai non se ne sia accorta? Carenza di personale? Una degna conclusione della vicenda sarebbe aggiungere un milione di nuovi addetti alla vigilanza in un’azienda così a corto di organico e magari qualche corso di formazione a fumetti sulla Storia del nostro (povero) Paese.

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
On Key

Related Posts