Una ferrovia da riaprire. La Ruta de la Plata fa parte della storia della Spagna. E l’Europa potrebbe essere d’accordo

​Era stato un errore cancellare un tratto ormai obsoleto dei nuovi corridoi ferroviari europei, ma fortunatamente il “cerotto” è diventato per Bruxelles e la Ruta de la Plata un rilancio. Con l’accordo del Consiglio dei ministri dei trasporti dell’Unione europea del dicembre scorso, la vecchia ferrovia (331 chilometri) che attraversava la Spagna da sud a nord, da Gijón a Siviglia, passando per Cáceres, Salamanca, Zamora e León potrebbe avere una nuova vita dopo 40 anni di chiusura.

Decise il governo di Felipe González: troppo alti i costi, bisognava risparmiare e tagliare. Ora la ferrovia Ruta de la Plata fa parte della rete globale di corridoi ferroviari e di trasporto a livello europeo (Rete TEN-T). Al momento, gran parte della linea è stata smantellata. Una parte, tra Alba de Tormes e Carbajosa de la Sagrada, è diventata una strada verde per ciclisti o turisti che vanno a piedi.

Oltre a dodici Camere di Commercio, molti di coloro che vogliono far vivere di nuovo i luoghi spopolati della Spagna sono per la riapertura della vecchia ferrovia.

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
On Key

Related Posts

“Una noche con Sergio Bernal” a Fermo

Si illumina Villa Vitali, a Fermo, con il ballerino spagnolo Sergio Bernal. Civitanova Danza – festival dedicato al maestro Enrico Cecchetti, realizzato su iniziativa di Civitanova Marche, dell’Azienda Teatri di

Lasciate sbocciare i cento fiori

E’ stata inaugurata la mostra d’arte “Lasciare sbocciare i cento fiori” (da una famosa frase di Mao): verrà ospitata all’auditorium Sant’Agostino di Civitanova Alta. Il percorso esplora