Michele Buda, sette sequenze in progressione

Si inaugura sabato 6 aprile 2024 (alle ore 18,30, fino a domenica 28 aprile, dal martedì al sabato dalle 16 alle 19) presso lo spazio espositivo Pallavicini22 Art Gallery la personale di Michele Buda “da uno a sette”, a cura di Luca Piovaccari. La mostra si inserisce nel progetto di CARP Associazione di Promozione Sociale “Con altri occhi – Appunti di fotografia contemporanea”, una serie di esposizioni legate al medium fotografico a cura di Luca Piovaccari e Roberto Pagnani.

La fotografia che Michele Buda mette in campo per questo progetto comprende sette sequenze in progressione. Come in un crescendo di immagini adotta una sorta di montaggio visivo, con la rigorosa scelta del bianco e nero per portare l’attenzione sulle cose del mondo e su particolari che appartengono alla visione sensibile dello sguardo. Il lavoro di Michele Buda sa coinvolgere, al di là della lucida e fredda inquadratura. Le sue immagini non vivono solo di tecnica, ma portano con sé l’oggettiva malinconia contemporanea. Come sostiene Agamben, ogni autore è al tempo stesso nel suo tempo ma si dovrebbe porre anche a lato di questo, per osservare in maniera nitida e obbiettiva la realtà, rappresentazioni che servono anche per farci comprendere meglio la vita. In mostra ci sono fotografie di chi conosce bene l’importanza della luce e delle ombre, in architettura e nella storia della pittura. 

Michele Buda è nato nel 1967 a Ravenna, vive e lavora a Cesena. E’ docente di Fotografia presso l’Accademia di Belle Arti di Ravenna. Ha iniziato ad occuparsi di fotografia all’inizio degli anni novanta partecipando a diverse campagne fotografiche. Nel 2005 ha esposto al Fotomuseum di Winterthur e l’anno successivo al SK Stiftung Kultur di Koln. Tra le mostre si ricordano le personali alla Galleria Spazio Senzatitolo, Fotografie (2009) e One Day in Berlin (2013); alla Galleria Metronom, 9909 (2010) e Tricks and Falls (2012); alla Galleria dell’Immagine di Rimini, Tricks and Falls (2013).

Nel 2016 ha esposto nella mostra 4×4 architetture, presso Areafotografia a Monselice. Nel 2017 la mostra personale accademia, tratta dall’omonimo libro, è stata ospitata negli spazi della Galleria del Ridotto di Cesena. Nel 2018 la mostra personale Archivio Quasimodo per Cristallino è stata allestita nella galleria Corte Zavattini 31 a Cesena. Nel 2021 col progetto Sul confine è vincitore del bando Strategia Fotografia 2020 promosso dalla Direzione Generale Creatività Contemporanea del Ministero della Cultura. Nello stesso anno si tiene la mostra negli spazi dell’Ex ospedale Testi a Cotignola e si stampa il libro “Sul confine” edito da Quodlibet. 

Sue fotografie fanno parte delle collezioni di Linea di Confine per la fotografia contemporanea di Reggio Emilia, dell’IBC della Regione Emilia-Romagna, del Canadian Centre for Architecture di Montréal, del Fotomuseum Winterthur in Svizzera e del Institut für Kunstdokumentation und Szenografie di Düsseldorf.

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
On Key

Related Posts

“Una noche con Sergio Bernal” a Fermo

Si illumina Villa Vitali, a Fermo, con il ballerino spagnolo Sergio Bernal. Civitanova Danza – festival dedicato al maestro Enrico Cecchetti, realizzato su iniziativa di Civitanova Marche, dell’Azienda Teatri di

Lasciate sbocciare i cento fiori

E’ stata inaugurata la mostra d’arte “Lasciare sbocciare i cento fiori” (da una famosa frase di Mao): verrà ospitata all’auditorium Sant’Agostino di Civitanova Alta. Il percorso esplora