Bandiera Blu a Civitanova. E sono 18!

Civitanova Marche ha festeggiato la sua diciottesima Bandiera Blu FEE (Foundation fon Environmental Education) nella cornice portuale del Club Vela. Ringraziando il consigliere comunale Sergio Marzetti che per primo intuì l’importanza del riconoscimento, il sindaco Fabrizio Ciarapica ha sottolineato di essere “davvero orgoglioso di aver condiviso parte di questo lungo percorso che il Comune ha iniziato 18 anni fa e che non si è mai interrotto. Come Amministrazione puntiamo sugli aspetti legati alla sicurezza, alla pulizia delle spiagge, al salvataggio e sulle piste ciclabili e turismo sulle due ruote, con particolare riguardo a quelle che prevedono il collegamento di più comuni. Inoltre abbiamo intensificato gli spazi verdi, con nuove piantumazioni, facendo diventare Civitanova la città di mare più verde della regione.  La Bandiera blu è un circolo virtuoso e dobbiamo essere bravi, tutti, a sostenerlo con nuova linfa ed entusiasmo”.

Tra le autorità presenti anche il consigliere regionale Pierpaolo Borroni, il direttore del Cosmari Giuseppe Giampaoli, il presidente del Consiglio comunale Claudio Morresi. Presenti anche il luogotenente Capitaneria di Porto Tonino Marconi, il comandante Compagnia Carabinieri Massimo Amicucci, il capitano Guardia di Finanza Tiziano Padua, l’ispettore Roberto Schirripa e l’assistente capo coordinatore Lorenzo Pezzola per il Commissariato di Polizia di Stato, Alfredo Squadroni capo distaccamento Vigili del Fuoco, Aurelio Del Medico coordinatore Protezione civile, Olindo Iualè dell’ass. Naz. Carabinieri, rappresentanti della Polizia locale, Croce Verde, GV service Salvataggio e Csla, Abat, Civitas, Atac, Mercato Ittico, Legambiente, Lega navale, Maria Rosa Berdini e Franco Pistilli per la Pro Loco e Aldo Foresi, le cooperatove Casa del pescatore, Marinerie d’Italia e Europa, Assoittico, associazione albergatori e Gea, camping e centi civici, Confcomemrcio, Camera commericio Regione, Cna, Confartiganato, Coldiretti.

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
On Key

Related Posts

L’esodo che verrà

Senza acqua nè luce, nella capitale come nelle città più importanti del Paese, molti ucraini lasceranno, almeno per l’inverno, le proprie case. Si prevede che prima