Qualità, sostenibilità, storia: i consigli per scegliere una vera birra artigianale

(Il mondo della Birra – articolo di Giovanni Rodolfi) – Hai un locale e ti stai chiedendo quale sia la migliore birra artigianale italiana per il tuo bar? Allora continua a leggere! Gli estimatori di birra artigianale sono oggi sempre più numerosi, di conseguenza aumentano in modo esponenziale anche i locali che scelgono di offrire queste specialità brassicole dello stivale tricolore all’interno del loro menù. Tuttavia, una delle cose più difficili è proprio scegliere la birra artigianale per bar giusta. Come mai? I motivi sono molteplici: tanta offerta, diffidenza nei confronti del prodotto artigianale, birre torbide, non è semplice capire che tipologia è, etc.etc. Potrei continuare nell’elenco dei dubbi che spingono il gestore a perseguire la via conosciuta della birra convenzionale.  

Come deve regolarsi, allora, chi gestisce un locale quando deve scegliere una birra artigianale da offrire nel proprio bar? Potremmo individuare alcune regole fondamentali per scegliere la bevanda di malto e luppolo non industriale migliore per il tuo bar.

La prima di queste è “mettersi nei panni dei tuoi clienti”: si tratta di una regola che può apparire scontata ma, come spiegheremo sotto, talvolta non lo è.

La seconda è, invece, “opta sempre e comunque per prodotti di qualità”. Se vuoi fare veramente colpo sui tuoi clienti, scegli solo specialità brassicole di altissima qualità. Quindi realizzate con ingredienti particolari che possono dare un gusto diverso alla solita birra. 

La terza regola è “scegli birre che siano sostenibili”: a parità di qualità, infatti, la cosa migliore è scegliere sempre birre a chilometro zero, prodotte da birrifici e  microbirrifici che si trovano nella tua zona.

La quarta regola è “punta su birrifici che siano riconoscibili e abbiano una storia”. Anche se è vero che spetta a te far conoscere le birre artigianali che hai nel tuo locale, può esserti senz’altro d’aiuto proporre bevande che siano collegate ad un brand che abbia una storia affascinante e memorabile. 

Infine, la quinta ed ultima regola è “scegli un prodotto il cui prezzo rientri nel tuo budget”. Anche se qualità, sostenibilità ed unicità del brand sono cose importanti, non dimenticare che un altro aspetto da considerare è sempre e comunque il prezzo. Se i tuoi clienti non sono disposti a spendere molto, inutile puntare su specialità brassicole con costo elevato! In tal caso, è sicuramente preferibile scegliere una birra artigianale con un prezzo più accessibile, ma pur sempre di qualità.  

Vediamo  ora più nel dettaglio le regole in base:

1. Mettiti nei panni dei tuoi clienti

La prima regola in assoluto è quella di scegliere un prodotto che sia in linea con i gusti e le preferenze dei tuoi clienti. Le domande da porsi, in questo caso, sono:

  • Quali sono gli stili di birra che i miei clienti bevono più volentieri?
  • Nel mio locale si consumano di più birre chiare, ambrate o scure?
  • Le persone che frequentano il mio bar si fanno consigliare sul tipo di birra da bere o preferiscono fare da sé?
  • Quanto conta la notorietà del marchio nella scelta della birra da ordinare?
  • Il prezzo influisce sulla scelta di quale bevanda gustare?

Solo dopo aver risposto a queste domande, sarai in grado di scegliere la birra artigianale giusta per il tuo bar.

2. Opta sempre e comunque per prodotti di qualità

Le birre artigianali si distinguono, in genere, per la maggiore qualità degli ingredienti rispetto alle birre industriali, dunque per un gusto e un aroma solitamente più ricchi ed intensi.  Ci sono, indubbiamente, dei prodotti brassicoli che si  contraddistinguono da una qualità davvero elevata, sia per la scelta degli ingredienti, sia per quanto riguarda l’originalità delle ricette.

3. Scegli birre che siano sostenibili

È molto importante scegliere birre che siano prodotte rispettando l’ambiente, utilizzando quindi ingredienti di provenienza biologica non dannosi per la salute. Optando, ad esempio, per birrifici o microbirrifici artigianali che si trovano vicino a te, avrai anche un prodotto a chilometro zero. Il che significa che non ha bisogno di essere trasportato lontano, quindi per questo sicuramente più fresco e con un impatto sull’ambiente decisamente inferiore.

4. Punta su birrifici che siano riconoscibili e abbiano una storia

Come ogni figlio ha un padre, anche la birra artigianale ha un birrificio che, spesso con grande amore e passione, la produce. Non fare dunque l’errore di concentrarti solo ed unicamente sul prodotto… Anche la storia del brand che produce la birra artigianale che intendi acquistare è molto importante! Ti consente di selezionare la bevanda giusta per il tuo locale.

Questo vale ovviamente anche per i tuoi clienti: una birra che appartenga ad un birrificio con una storia affascinante e facilmente riconoscibile aiuterà anche il tuo pubblico ad affezionarsi più rapidamente a quel prodotto.

5. Scegli un prodotto il cui prezzo rientri nel tuo budget

Da ultimo, ma non per importanza, anche il prezzo rappresenta sicuramente un elemento importate per scegliere la birra artigianale per il tuo bar. Se il tuo locale è frequentato da persone che non sono disposte a spendere cifre elevate, è forse preferibile optare per prodotti di qualità ma che abbiano un costo inferiore.

L’ultimo consiglio che ti possiamo dare per scegliere la birra artigianale giusta per il tuo locale è quello di non avere fretta ma di scegliere con cura il tuo prodotto, confrontando fra loro varie proposte. 

Ma la soluzione più conveniente per te che hai un bar è senza dubbio quella di acquistare più birre possibili per avere una scorta iniziale e valutare il riscontro dei clienti.

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
On Key

Related Posts

Nell’olimpo della Dea

(articolo di Giovanni Rodolfi) – Quanti anni sono passati dalla partita contro il Malines. Quante cose sono cambiate. Quanti tifosi sono passati. Di fatto c’è