A Parigi senza fretta: limite massimo di velocità 30 chilometri all’ora

Da oggi a Parigi si andrà piano, pianissimo, forse troppo. Dovuto forse a ragioni elettorali: il sindaco socialista Anna Hidalgo vuole una città verde, che vada – questa la novità da oggi in vigore – a 30 chilometri orari in tutta la città, tranne nelle tangenziali, come la nota Périphérique, in cui si potranno raggiungere i 50. I controlli ci saranno ovunque e le multe salate.

Sempre meno macchine e sempre più biciclette o, la moda del momento, monopattini (che fra l’altro, alle velocità con cui percorrono le strade, hanno provocato già vittime). I francesi si sono divisi equamente sulle misure. Proteste in particolare dai tassisti, che in questa maniera perderanno molti soldi. E a nulla è valso il parere degli esperti che hanno sottolineato che a 30 chilometri all’ora si inquina più che a velocità maggiori. Ma la Hidalgo è andata avanti: il suo piano superecologico è studiato apposta, dicono gli analisti, per arrivare direttamente all’Eliseo.

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
On Key

Related Posts

Nell’olimpo della Dea

(articolo di Giovanni Rodolfi) – Quanti anni sono passati dalla partita contro il Malines. Quante cose sono cambiate. Quanti tifosi sono passati. Di fatto c’è