Il ritorno degli Abba, gli svedesi più popolari di Ikea

“Le nuove canzoni? Usciranno con certezza. Ci siamo ritrovati in studio dopo quarant’anni e quello che abbiamo provato è difficile da spiegare: c’è un legame fortissimo che ci unisce”. Straordinari Abba: dopo aver passato una vita d’inferno tra alcol, depressione, matrimoni falliti, il gruppo da 500 milioni di dischi venduti, miliardari e conosciuti in tutto il mondo come i compatrioti della Ikea, pensano a ritornare in scena.

La data che il quartetto composto da Anna-Frid Lyngstad, Bjorn Ulvaeus, Benny Andresson e Agnetha Faltskog, ha postato sui social è quella del 2 settembre. “Voyage”, così hanno chiamato la nuova avventura che intraprendono da vecchietti benchè più giovani per poco ai Rolling Stones, poytrebbe essere il titolo di un nuovo album o addirittura uno show realizzato con ologrammi. Gli inventori di hit come “Mamma mia” hanno ricevuto in questi anni offerte incredibili per ripresentarsi al pubblico, fino a un miliardo di euro per ritornare in scena. Ma le hanno rifiutate tutte: i soldi in cassa non sono mai mancati.

Vittime di amori mancati, come quello tra Björn y Agnetha, che fecero due figli e poi si mandarono velocemente al diavolo, o di profondi viaggi nel mondo dell’alcol, la vita degli Abba, a leggere le biografie, più che un successo pop è stata una “Waterloo”, come si chiama una delle loro canzoni preferite dal pubblico. Ma, con tutte le volte che li abbiamo ascoltati, rimangono una parte dei nostri anni passati.

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
On Key

Related Posts

Nell’olimpo della Dea

(articolo di Giovanni Rodolfi) – Quanti anni sono passati dalla partita contro il Malines. Quante cose sono cambiate. Quanti tifosi sono passati. Di fatto c’è