Olandese in Ferrari a 240 chilometri in autostrada: pensava che la Costa del Sol fosse un circuito

Secondo la leggenda, l’Olandese volante è un vascello di fantasmi che non si sa bene dove sia diretto. La Guardia Civil, quando è riuscita a fermare e non senza difficoltà un altro olandese volante all’altezza di Torremolinos sull’autopista AP-7, invece che fantasmi ha trovato alla guida di una Ferrari un uomo che andava a 240 all’ora laddove i limiti sono di 120. E’ stato infine fermato, dopo aver vissuto a bordo dell’auto la sua mezzora da film, con cambi di corsia repentini, sorpassi più che azzardati, insomma un pericolo reale per gli automobilisti che si trovavano a passare per la zona.

L’olandese, che secondo gli agenti avrebbe addiritturaraggiunto i 270 chilometri all’ora, si è giustificato dicendo che si è spinto a quella velocità (i fatti sono del 13 di agosto) per non perdere il volo all’aeroporto. Anche Johann Cruijff andava veloce sui terreni di gioco, facendo la storia del Barcellona, ma niente aveva a che vedere con questo suo connazionale inutile.

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
On Key

Related Posts

Willem de Kooning e l’Italia

Alle Gallerie dell’Accademia  di Venezia (tutti i giorni dalle 8.15 alle 19.15, tranne il lunedì 8.15-14, aperta fino al 15 settembre) è stata inaugurata la

Residenze digitali, Amat premia un fanese

Premiata la creatività marchigiana nella quinta edizione di Residenze Digitali, una chiamata nazionale agli artisti della scena contemporanea che vogliano espandere i propri confini esplorando lo spazio

Claudio Bisio, come raccontarsi male

Martedì 23 e mercoledì 24 aprile, alle ore 21.15, salirà sul palco del teatro Rossini di Civitanova Marche un Claudio Bisio accattivante, carismatico e irriverente con La mia vita