Putin comincia a pensare di prendersi solo il Donbass

Come succede a chi ha deliri d’onnipotenza, Putin sembra essersi reso conto che la conquista totale dell’Ucraina avrebbe costi altissimi, sia economici che in perdite umane, che forse neanche i russi potrebbero perdonargli. Sono 16mila, secondo fonti ucraine, i suoi soldati già morti nell’invasione. Se fosse così, il dittatore potrebbe concentrarsi solo sul Donbass, chiedendone l’annessione, e sui territori a sud, in modo tale da creare un cuscinetto tra il mondo Nato e il suo.

E’ un cambio di rotta che segnerebbe, nel caso, la fine della guerra – ormai i russi invece che avanzare bombardano solo, dalla capitale alle città martoriate dell’Est – e l’inizio di negoziati che imporrebbero la neutralità (da Nato e Ue) ucraina. Nel frattempo si scoprono – fonti Onu – fosse comuni a Mariupol e l’Interpol ha già inviato suoi agenti in Moldavia per controllare che, nell’esodo dei profughi, non ci siano rischi di traffico di esseri umani, dopo aver ricevuto segnalazioni di organizzazioni mafiose pronte a reclutare ucraini “indifesi” quando varcano il confine.

E’ un disastro per l’umanità ma anche per i bambini, che sono i più colpiti dalle azioni scellerate dei russi: mezzo milione di essi hanno oggi necessità alimentari. Un milione e mezzo di persone non ha accesso all’acqua potabile e altri 5 milioni rischiano di non averla nelle prossime settimane.

L’intelligence britannica conferma che “le truppe russe si stanno dimostrando riluttanti a impegnarsi in operazioni di fanteria su larga scala nelle città e preferiscono invece puntare sull’uso indiscriminato di bombardamenti aerei e di artiglieria nel tentativo di demoralizzare la difesa ucraina”. Bombardamenti come quello ormai tristemente noto sul teatro di Mariupol in cui erano alloggiati 1300 rifugiati, donne, bambini e anziani e che sembra, notizia di oggi, abbiano fatto almeno 300 vittime.

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
On Key

Related Posts

Mercanti in fiera

Prima il pubblico “deve scoprire che c’è un programma”, poi si vedrà. Pieno Insegno, il presentatore di “Mercante in fiera” non la butta sul drammatico

Unitre, appuntamento con “l’Arte Altrove”

Ripartirà venerdì 6 ottobre il nuovo Anno Accademico di Unitre con l’incontro “L’Arte Altrove”. L’appuntamento è alle 15,45 presso la sala conferenza del Credito Cooperativo Marchigiano (viale

Rampa Zara e polenta

(articolo di Maurizio Verdenelli) – “Tanto rumore per nulla, bolla di sapone. Ecco la pretesa crisi di giunta annunciata. E se qualcuno vuole uscire allo

Missione impossibile

Poco potrà raccontare alle Cortes, il Parlamento spagnolo, Alberto Núñez Feijóo. La maggioranza non c’è e il discorso di investitura del leader dei Popolari sarà verosimilmente solo