Asse Italia-Spagna per l’energia: il gasdotto Barcellona-Livorno è più di un’idea

Sarà il gasdotto che collegherà la spagnola Barcellona all’italiana Livorno (costo preventivato 2,5 miliardi di euro, pronto in due-tre anni) a risolvere il problema della dipendenza energetica dalla Russia? Il protocollo d’intesa, per studiare la fattibilità del progetto, è stato firmato da Snam e Enigas. Ma è più che un’idea primaverile.

La chiave è il pacchetto di aiuti europeo RepowerEu, attraverso cui i prestiti del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Pnrr) potranno essere utilizzati anche per il gasdotto. Una grande opportunità per i due Paesi. Per la Spagna per accogliere metano liquido da mezzo mondo e utilizzare i suoi rigassificatori, per l’Italia per diventare un hub per tutta Europa, grazie al nuovo impianto e a quelli già esistenti, il Transmed algerino, il Green Stream libico e il Tap dell’Azerbaijan.

Intanto la Unione Europei fa passi in avanti per la creazione di un gruppo comunitario d’acquisto di gas, Gnl e idrogeno. Il futuro prossimo sarà il tetto ai prezzi e gli acquisti comuni obbligatori.

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
On Key

Related Posts

L’esodo che verrà

Senza acqua nè luce, nella capitale come nelle città più importanti del Paese, molti ucraini lasceranno, almeno per l’inverno, le proprie case. Si prevede che prima