Gas, la lite Algeria-Spagna è un problema serio anche per l’Europa

La disputa sul Sahara Occidentale si è trasformato in un problema molto serio tra Spagna e Algeria. Il Paese africano ha infatti sospeso con effetto immediato il ventennale trattato di cooperazione e bloccato l’importazione di alcuni prodotti spagnoli. Ma è ben più grave l’effetto a catena che si potrebbe scatenare in seguito alla “rottura” algerina: notevoli flussi di gas arrivano proprio da quel Paese e sono strategici specialmente in questo momento.

Pochi mesi fa il premier Pedro Sanchez ha di fatto riconosciuto la sovranità marocchina sull’area contesa tra questo Paese e il Fronte Polisario sostenuto da Algeri. Nei giorni seguenti, sempre a marzo, l’ambasciatore da Madrid, Said Moussi, è stato richiamato in patria. Poca cosa in confronto a quelle forniture di gas che costituiscono il 40% delle necessità spagnole, portato attraverso i gasdotti Maghreb-Europe e Medgaz, che potrebbero mancare a breve. Servirà da garanzia il contratto firmato dalla società spagnola Naturgy e dall’algerina Sonatrach? In teoria scade nel 2032, ma è sull’aumento dei prezzi che gli algerini potrebbero far leva.

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
On Key

Related Posts

Willem de Kooning e l’Italia

Alle Gallerie dell’Accademia  di Venezia (tutti i giorni dalle 8.15 alle 19.15, tranne il lunedì 8.15-14, aperta fino al 15 settembre) è stata inaugurata la

Residenze digitali, Amat premia un fanese

Premiata la creatività marchigiana nella quinta edizione di Residenze Digitali, una chiamata nazionale agli artisti della scena contemporanea che vogliano espandere i propri confini esplorando lo spazio

Claudio Bisio, come raccontarsi male

Martedì 23 e mercoledì 24 aprile, alle ore 21.15, salirà sul palco del teatro Rossini di Civitanova Marche un Claudio Bisio accattivante, carismatico e irriverente con La mia vita