Canada, Papa Francesco chiede scusa ai “nativi”

Un “pellegrinaggio di penitenza” quello di Papa Francesco in Canada. Il Pontefice ha chiesto scusa ai “nativi” a cui i missionari violenze che oggi provocano, come ha detto il Papa, “indignazione e vergogna”. Un viaggio ad Edmonton, Quebec fino a Iqualuit, vicino al Circolo Polare artico, dove alle comunità locali, in nome di politiche educative, i governi che si sono succeduti hanno sottratto alle loro famiglie oltre 100mila bambini.

In un caso e nell’altro, il desiderio era cancellare le radici ai “nativi” e omologarli ad altre culture “dominanti”. Il Pontefice ha voluto chiudere così una pagina dolorosa della Storia e il Canada ringrazia per l’aiuto: recentemente ha annunciato risarcimenti per 27 milioni di euro.

“Chiedo perdono per i modi in cui purtroppo molti cristiani hanno sostenuto la mentalità colonizzatrice delle potenze che hanno oppresso i popoli indigeni. Sono addolorato. E chiedo perdono per i modi in cui molti membri della Chiesa hanno cooperato anche attraverso l’indifferenza a quei progetti di distruzione culturale e assimilazione forzata dei governi dell’epoca” ha sottolineato Papa Francesco ieri.

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
On Key

Related Posts

L’esodo che verrà

Senza acqua nè luce, nella capitale come nelle città più importanti del Paese, molti ucraini lasceranno, almeno per l’inverno, le proprie case. Si prevede che prima