Vuoi scalare ad alte quote? Paga prima (per eventuali operazioni di soccorso o funerali)

Dilettanti senza attrezzature nè abbigliamento congruo che vanno in montagna senza capirne i rischi. Per porre un freno agli “scalatori della domenica” il sindaco di Saint-Gervais, Jean-Marc Peillex, ha stabilito che prima di “candidarsi alla morte” gli alpinisti in questione paghino una cauzione di 15mila euro, 10mila per le operazioni di riscatto e 5mila per eventuali spese di sepoltura.

Chi vorrà affrontare il versante francese del Monte Bianco dovrà attenersi a queste regole, visto che le ordinanze comunali sono ampiamente ignorate da queste persone che si avventurano ad alte quote. “È inammissibile che sia il contribuente francese a farsi carico di questi costi” ha sottolineato il primo cittadino di Saint-Gervais.

Con i cambiamenti climatici in corso, le scalate sono diventate sempre più pericolose. La via italiana del Cervino, in salita e discesa, è stata chiusa tre giorni fa a causa di frane e distacchi di pietre dalla Testa del Leone e “al fine di scongiurare il pericolo e fare le opportune verifiche”, come si legge nell’ordinanza emessa dal sindaco di Valtournenche.

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
On Key

Related Posts

Willem de Kooning e l’Italia

Alle Gallerie dell’Accademia  di Venezia (tutti i giorni dalle 8.15 alle 19.15, tranne il lunedì 8.15-14, aperta fino al 15 settembre) è stata inaugurata la

Residenze digitali, Amat premia un fanese

Premiata la creatività marchigiana nella quinta edizione di Residenze Digitali, una chiamata nazionale agli artisti della scena contemporanea che vogliano espandere i propri confini esplorando lo spazio

Claudio Bisio, come raccontarsi male

Martedì 23 e mercoledì 24 aprile, alle ore 21.15, salirà sul palco del teatro Rossini di Civitanova Marche un Claudio Bisio accattivante, carismatico e irriverente con La mia vita