E’ rottura tra Ue e Ungheria

La Unione Europea passa all’attacco, approva un testo che non richiede l’unanimità (è il caso del “chiaro rischio di grave violazione dei valori Ue”, in Italia Lega e Fratelli d’Italia hanno votato contro) e bolla l’Ungheria come “minaccia sistemica” ai valori fondanti. Un metodo per tagliare parte dei fondi, ma certo molto ci sarà da parlare su un atacco senza precedenti.

“Regime ibrido di autocrazia elettorale” viene definito il Paese, ovvero si riconosce che il sistema è costituzionale (gli ungheresi insomma eleggono democraticamente il Governo che hanno) ma “manca il rispetto di norme e standard democratici”. Uno strano modo di “fare guerra” all’Ungheria per attivare le misure contenute nell’articolo 7 dei Trattati. Un’ingerenza? Un tentativo di ritornare a un tavolo per trattare?

Non sembra dalle parole della relatrice verde Gwendoline Delbos-Corfield: “L’Ungheria non è una democrazia… Lo Stato di diritto sta arretrando nel Paese”. In 133 deputati Ue non sono stati d’accordo. E si pone ora il problema, tuttora irrisolto in Europa, se un’autorità sovranazionale può condizionare la politica di uno Stato sovrano.

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
On Key

Related Posts

“Una noche con Sergio Bernal” a Fermo

Si illumina Villa Vitali, a Fermo, con il ballerino spagnolo Sergio Bernal. Civitanova Danza – festival dedicato al maestro Enrico Cecchetti, realizzato su iniziativa di Civitanova Marche, dell’Azienda Teatri di

Lasciate sbocciare i cento fiori

E’ stata inaugurata la mostra d’arte “Lasciare sbocciare i cento fiori” (da una famosa frase di Mao): verrà ospitata all’auditorium Sant’Agostino di Civitanova Alta. Il percorso esplora