Treia protagonista nella festa dei Polentari italiani. In Sardegna incontri e futuri gemellaggi

(articolo di Maurizio Verdenelli) – Arborea, famosa nel Belpaese per il latte, è in Sardegna. Tuttavia pure un po’ in Veneto. Ne fanno fede una scritta segnaletica all’ingresso del comune oristanese, i cognomi con la enne finale, villa Dolcetta che sembra trasportata dal Canal Grande, gli edifici pubblici e il primo nucleo abitativo (i tetti antineve ad un passo dalla marina) quando il paese nacque tra il 1920 e il ’30 sui terreni strappati agli acquitrini. Grazie ad un’opera di bonifica coronata da successo, guidata dall’ing. Giulio Dolcetta da Vicenza.

Da sx il sindaco Capponi, il parroco don Igino Tartabini, il comandante della Stazione dei Carabinieri di Arborea, e la sindaca del comune sardo, Manuela Pintus

E per il raduno nazionale de ‘I Polentari d’Italia’, il governatore Zaia ha inviato il suo assessore alla Cultura, Cristiano Cozzari. Che tra le sue numerose deleghe ha pure, significativamente, quella dell’Identità veneta. Cozzari ha partecipato alla due giorni di Arborea perfettamente organizzata dal presidente nazionale de ‘I Polentari’ Sebastiano Arcai e dal presidente della Proloco, Paolo Sanneris insieme con il Comune ospitante ed altri gemellati.

(da sx): L’assessore regionale per la Cultura e l’Identita veneta, Cristiano Cozzari con Sebastiano Arcai presidente nazionale de ‘i Polentari d’Italia’ e il sindaco di Treia, Franco Capponi (foto di Gabriele Soldini)

Un ospite d’onore d’alto rango, Cozzari che insieme agli altri testimonial e il sindaco Manuela Pintus – e il vice Davide Rullo cui si deve la bella mostra storico fotografica su Arborea agricola nel riverbero di Cesare Pavese – è stato accolto in tutti gli stand delle delegazioni provenienti da tutt’Italia. Da Marano Vicentino, prossima tappa biennale del Raduno a S.Maria in Selva (Treia) a Carbonesca (Pg) dove si respirava l’eugubina aria post Corsa con polentari/ceraioli pieni d’entusiasmo e tradizionale voglia di esserci e competere in un raduno di grande successo, dove la ‘regina’, la polenta,  ha dovuto ‘sgomitare’ con le eccellenze gastronomiche sarde.

La delegazione ufficiale di S.Maria in Selva (Treia) ad Arborea


All’ombra di tanti campanili e di un’unica bandiera (obbligatoriamente gialla) è maturato pure il progetto del gemellaggio tra Arborea e Treia. Con la ‘task  force’ sbarcata in Sardegna via aria e mare guidata da Gianni Savi – a latere il presidente onorario don Igino Tartabini inviato dal vescovo Marconi, il sindaco Franco Capponi. L’intesa è subito nata tra il primo cittadino treiese e la Pintus (ospite a maggio della città di Carlo Didimi) nel nome dell’indimenticabile don Giuseppe Branchesi, per 12 anni presidente de I Polentari d’Italia, poi fino alla fine, onorario. E nel nome della fraterna amicizia che ha legato ‘Bastiano’ a don Peppe, ultimo ‘Treiese dell’anno’. Un Premio che – si da per sicuro – sarà presto ripristinato da Proloco e Comune nel quadro della ripartenza post lockdown.

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
On Key

Related Posts

Willem de Kooning e l’Italia

Alle Gallerie dell’Accademia  di Venezia (tutti i giorni dalle 8.15 alle 19.15, tranne il lunedì 8.15-14, aperta fino al 15 settembre) è stata inaugurata la

Residenze digitali, Amat premia un fanese

Premiata la creatività marchigiana nella quinta edizione di Residenze Digitali, una chiamata nazionale agli artisti della scena contemporanea che vogliano espandere i propri confini esplorando lo spazio

Claudio Bisio, come raccontarsi male

Martedì 23 e mercoledì 24 aprile, alle ore 21.15, salirà sul palco del teatro Rossini di Civitanova Marche un Claudio Bisio accattivante, carismatico e irriverente con La mia vita