“Ingiusto e dannoso lasciare Civitanova al buio a Natale”. Ciarapica risponde alle critiche

“Questa amministrazione non farà mai mancare il sostegno alle attività produttive e alle persone in difficoltà”. Il sindaco di Civitanova, Fabrizio Ciarapica, ha risposto a tono a chi l’ha accusato di voler “accendere” le luminarie natalizie a tutti i costi. “In un momento così difficile per tutti, sarebbe stato ingiusto e dannoso lasciare Civitanova al ‘buio’. Le cifre che sono girate non corrispondono a verità: il comune ha stanziato 120mila euro che servono per luminarie (85mila euro) ma soprattutto per una serie di eventi che renderanno Civitanova ancora più attrattiva ed accogliente. Le luminarie sono una consolidata attrazione turistica e una tradizione, una magia, sono la gioia nel cuore di grandi e piccini. Si risparmierà elettricità accendendo il 2 dicembre, una settimana dopo rispetto all’anno precedente e diminuendo l’orario di accensione, dalle 17 all’1”.

E inoltre, afferma il sindaco “sul fronte del caro-bollette e dell’efficientamento energetico, il Comune sta già provvedendo. Stiamo sostituendo , attraverso l’Atac, tutte le lampade della città con i led e avremmo un risparmio del 40%; abbiamo approvato il progetto del rifacimento del tetto del Teatro Rossini che oltre ad eliminare l’eternit, prevede l’installazione di pannelli fotovoltaici che ci consentirà di ottenere un notevole risparmio energetico; nell’ultima variazione di bilancio abbiamo stanziato circa 150mila euro che ci consente di sostituire tutte le lampade alogene, con i led, negli impianti sportivi della città a partire dallo Stadio. Un’ amministrazione del fare, dunque, che va in una direzione ben precisa”.

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
On Key

Related Posts

Willem de Kooning e l’Italia

Alle Gallerie dell’Accademia  di Venezia (tutti i giorni dalle 8.15 alle 19.15, tranne il lunedì 8.15-14, aperta fino al 15 settembre) è stata inaugurata la

Residenze digitali, Amat premia un fanese

Premiata la creatività marchigiana nella quinta edizione di Residenze Digitali, una chiamata nazionale agli artisti della scena contemporanea che vogliano espandere i propri confini esplorando lo spazio

Claudio Bisio, come raccontarsi male

Martedì 23 e mercoledì 24 aprile, alle ore 21.15, salirà sul palco del teatro Rossini di Civitanova Marche un Claudio Bisio accattivante, carismatico e irriverente con La mia vita