Camerino omaggia il suo Torrone, antica eccellenza gastronomica ritornata di moda

Il prodotto simbolo di Camerino, il Torrone, è il protagonista, sabato, di “Gran Tour delle Marche”, il viaggio enogastronomico tra le eccellenze della nostra Regione organizzato da Tipicità e Anci. Una preview, nella città Ducale, in vista del 6 gennaio, quando a Camerino tornerà la Festa del Torrone (info su www.tipicitaexperience.it).

Sarà l’occasione di valorizzare un prodotto radicato nella tradizione, sin dalla sua nascita: nel 1793 il notaio camerte Stefano Ricci depositò un documento in cui si parlava espressamente del dolce di oggi. La famiglia Attili l’ha riportato in auge (due anni fa il Torrone ha ricevuto il il riconoscimento della De.C.O) e molto hanno fatto i ricercatori del corso di laurea di Scienze gastronomiche dell’antica Università di Camerino.

Sabato 10 dicembre a partire dalle 17,30, all’Étoile Bistrot di Camerino andrà in scena “Il racconto del torrone”, show condotto da Tinto, voce storica di Decanter Radio Rai 2 e volto noto di Camper su Rai 1, in compagnia del mastro gelatiere Raoul Trozzo e di Barbara Settembri chef dell’Accademia di Tipicità. A seguire i racconti di Paolo Attili, cultore e custode del Torrone camerinese nonché patron di “Casa Francucci”, e di Marisa Pennesi Copponi, memoria storica dell’enogastronomia locale.

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
On Key

Related Posts

A Civitanova l’antologia di Sauro Cecchi

Dal 21 aprile al 5 maggio, l’ex chiesa di Sant’Agostino di Civitanova Alta ospiterà “Antology”, la mostra dell’artista marchigiano Sauro Cecchi, patrocinata dal Comune di