Martedì mi arresteranno

La prima volta, il 6 gennaio di due anni fa, gli era andata male. I suoi fans, qualcuno travestito con improbabili costumi qualcuno no, avevano dato l’assalto al Campidoglio americano, cercando di cancellare “sul campo” il risultato sfavorevole delle elezioni.

Gridare al complotto è sempre stata una mossa politica vincente (lo fanno tutti, anche da noi) e così Donald Trump ci ha riprovato dalla sua piattforma social privata, Truth (Verità): “Martedì mi arresteranno, protestate, riprendetevi la nazione”. Come riprendersela, i suoi ammiratori già lo sanno o l’hanno intuito. Per un Paese presuntamente democratico come gli Stati Uniti, è una chiara sfida al potere di cui nessuno può immaginarsi gli sviluppi.

E tutto questo per un pagamento in nero a una porno star che infatti di nome fa Tempesta, Stormy Daniels, per farla stare zitta sulla loro breve relazione, avuta appena prima delle presidenziali del 2016. Il proclama di Trump non è inedito. Le proteste – o magari qualcosa di più – dovrebbero essere indirizzate contro “l’ufficio di un procuratore di Manhattan corrotto e altamente politicizzato” che lo vuole rinviare a giudizio” per la vicenda. “Favola vecchia e pienamente smontata” dice il tycoon.

Intanto si prepara alla solita sceneggiata: una volta incriminato, si farà schedare e rilasciare, come in un film ad uso e consumo dei suoi fans. L’atmosfera si riscalda. Stavolta, come successe qualche anno fa, Trump non rischia l’impeachment per incitamento all’insurrezione (venne assolto).

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
On Key

Related Posts

Tourgustando con gli over 65

Con la conclusione del ciclo di appuntamenti primaverili di “Tourgustando – Percorsi Culturali ed Enogastronomici”, inserito nell’ambito del più strutturato Progetto “Attivi si Nasce”, il

Veregra Street Festival al via

Stasera anteprima (alle 21,30) a Civitanova della 26esima edizione del festival Veregra Street: il Varco sul Mare si trasformerà in un teatro a cielo aperto