Al Teatro dell’Opera di Roma l’Anno della Musica Boema si apre con Mozartissimo

Il concerto celebrativo per l’apertura dell’Anno della Musica Boema a Roma, organizzato dal Centro Ceco di Roma e dall’Ambasciata della Repubblica Ceca in Italia in collaborazione con il Teatro dell’Opera di Roma, sarà dedicato ai canti natalizi cechi e al compositore Jaroslav Krček. Ad eseguire canti e la famosa composizione di Josef Mysliveček Ridente la calma sarà l’ensemble da camera Mozartissimo: cinque musicisti ispirati dal celebre Wolfgang Amadeus (del suo periodo praghese in particolare). L’ensamble, a parte la capitale ceca e Salisburgo, ha inanellato più di seicento repliche tra Francia, Germania, Spagna, Giappone e Brasile.

Mozartissimo è composto da un trio di fiati, un soprano e un baritono. Marie Fajtová è soprano, solista dell’Opera del Teatro Nazionale di Praga, famosa ad esempio come rappresentante della Norma di Bellini, della Violetta di Verdi o della Donna Anna di Mozart, si dedica anche a opere barocche, soprattutto in collaborazione con gli ensemble Collegium Marianum, Collegium 1704 e Camerata Nova. Jiří Hájek è baritono, solista dell’Opera del Teatro Nazionale di Praga, dal 2004 è solista del Teatro J.K. Tyl di Pilsen, noto per i suoi ruoli come Bohuš del Jakobín di Dvořák, Don Giovanni di Mozart o Figaro di Rossini. 

E ancora: Miloš Bydžovský è primo clarinettista dell’Orchestra del Teatro Nazionale di Praga, allievo del fondatore originale del Mozartissimo Štěpán Koutník. Anna Červenková-Holeňová è l’oboista, laureata presso la HAMU di Praga (facoltà di musica e danza presso l’Accademia di Belle Arti di Praga), membro dell’Orchestra del Teatro Nazionale di Praga e direttore del gruppo. Infine Peter Hlucháň è il fagottista, membro delle orchestre del Scala Theatre Basel, Filharmonie of Nations Hamburg, e della Orchestra da camera di Praga.

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
On Key

Related Posts

Trent’anni dopo Hank è vivo

Nuove edizioni dei suoi capolavori, uno spettacolo teatrale di Roberto Galano dal titolo significativo, “Una notte con Hank” (e il suo piccolo uccello azzurro nel