Civitanova va in bicicletta con il Bike Festival

Convegni, incontri, dibattiti, escursioni, viaggi in bici, laboratori, gimkane ed aperibike. E’ alla sua terza edizione il “Civitanova Bike Festival”, ideato da Mauro Fumagalli. Oggi alle 10.30 “L’Italia della Bicicletta”, dibattito moderato da Mauro Fumagalli, con interventi di Fausto Troiani (vicesindaco Civitanova Marche), Paolo Carancini (Asinglearch: Biciplan Civitanova Marche 2021), David Fiacchini (WWF) e rappresentanti della FIAB.

Nel pomeriggio alle 15 “Master Class: Adriatic Bike City”, con la partecipazione di architetti e docenti universitari ed alle 17 è previsto un monologo teatrale “Alfonsina Strada… una corsa per l’emancipazione” dell’attrice Federica Molteni. Alle 18 “Bike Shopping Tour” con partenza al Varco sul Mare per un giro dove tutti potranno partecipare con qualsiasi tipo di bicicletta (prenotazione obbligatoria presso il punto info Civitanova Bike Festival) tra le vie più caratteristiche di Civitanova Marche seguendo un percorso tracciato alla scoperta delle vetrine più belle a tema “Bike Festival” ed alla ricerca di punti glamour per concedersi un aperibike.

Domani alle 9 è fissato il ritrovo e le iscrizioni presso il il punto info Civitanova Bike Festival al Varco sul Mare e dopo un’ora partirà la Ciclopedalata Cittadina, di circa 20 chilometri a cui potranno partecipare tutti con qualsiasi tipologia di bici, alla scoperta della rete di piste ciclabili di Civitanova Marche e del nuovo BiciPlan. Nell’intera giornata saranno operativi presso il Varco sul Mare tutte le attività ludiche legate alla bici destinate ai bambini come scuole bici, test bike e gimkane.

Allestiti ben nove laboratori, dalla fotografia alla creazione del bike room, dal come aderire alla rete “Albergabici” di FIAB al come riparare parti della bici, dalla scuola bici per bambini alle escursioni “short in bici”, da come diventare un ciclo accompagnatore a come organizzare un’escursione in bici.

“Mi complimento con Mauro Fumagalli ed i suoi collaboratori – ha dichiarato il sindaco Ciarapica – per aver organizzato un programma particolarmente ricco di eventi che coinvolgono tutte le fasce di età della nostra cittadinanza per un festival in costante crescita. Il riconoscimento della bandiera gialla ci spinge ancora più a puntare su iniziative a favore del mondo delle due ruote, importante anche a livello di crescita economica e sociale, con particolare riferimento al cicloturismo ed alla mobilità sostenibile. Proprio la bike è stata la grande protagonista del video dell’estate 2021 di Civitanova Marche, con Vittorio Brumotti, il nostro caro testimonial, che grazie alle sue acrobazie ed alle sue spericolate incursioni vissute sulla bici, è riuscito a cogliere le bellezze civitanovesi in ogni angolo, anche quello più nascosto, dalla parte collinare fino al mare ed alla spiaggia”. Un evento che punta ad essere, come ha sottolineato Fumagalli, uno dei referenti del Centro Italia per la promozione del cicloturismo.

“Abbiamo scelto di puntare su Civitanova Marche – ha sottolineato Stefano Marchegiani di Biocycle Sibillini – località strategica e importante sotto tanti punti di vista per promuovere il cicloturismo, il cui interesse si sta diffondendo rapidamente in questo territorio che lega il mare alla montagna. Specifico che la natura del nostro festival è di impronta  tecnica con l’obiettivo di elevare la cultura per il mondo delle due ruote attraverso tavole rotonde, incontri, workshop, laboratori ed anche corsi per bambini”.

E Ruben Baiocco, architetto e docente di Urbanistica all’Università di Venezia: “Il sostegno economico delle istituzioni e lo sforzo dei Comuni per elaborare e realizzare progetti per promuovere la mobilità ciclistica renderanno le città e i territori di questa regione più competitivi sul fronte dell’attrattività turistica, della valorizzazione dei patrimonio storico-culturale, del miglioramento dei servizi urbani e territoriali. Come ha insegnato la pandemia, la qualità degli ambienti che viviamo e una mobilità sempre più sostenibile sono sfide globali: siamo sulla buona strada”.

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
On Key

Related Posts

L’esodo che verrà

Senza acqua nè luce, nella capitale come nelle città più importanti del Paese, molti ucraini lasceranno, almeno per l’inverno, le proprie case. Si prevede che prima