Sano, sostenibile, di qualità: la proposta creativa di BioMio

Sano non significa solo light, la parola magica più usata nel mondo ma spesso senza motivo. Alimentarsi bene è sapere di scegliere materie prime equilibrate per la dieta di ognuno e di grande qualità nutritiva. È la scelta fatta da BioMio, il nuovo locale che ha aperto a Sevilla nella calle Mateos Gago al numero 13.

I cibi sono assolutamente salutari, nell’accezione più autentica del termine, e non mancano di “sostanza”: nell’offerta di questo posto dedicato a chi si vuole bene ci sono anche quelli che potremmo chiamare “superfood” (semi di chia, curcuma, quinoa, zenzero, avocado, frutti secchi, frutti rossi e tanti altri). Non si usano zuccheri raffinati, hanno preferito proporre miele ecologico (autoctono), zucchero di cocco bio e sciroppo d’agave; le farine, naturalmente biologiche e macinate a pietra, non solo di grano ma anche speciali e superselezionate; gli smoothies, i frullati molto richiesti, sono fatti con frutta fresca di stagione e, su richiesta, con latte vegetale. C’è una logica semplice ma efficace in BioMio che non è solo quella della leggerezza e dell’essenzialità. 

C’è di più: BioMio – locale unico nel centro della capitale andalusa, non ne troverete un altro uguale o simile – non solo rispetta l’ambiente perchè gran parte della materia prima è a chilometro zero, ma dà una mano anche all’economia locale, in tempi in cui la solidarietà è un valore importante. Non a caso BioMio acquista anche dal “Huerto social”, gestito dalla Caritas. Attenzione all’acquisto significa anche guadagnare in qualità, lo sanno bene Fabrizia e Kiara che hanno voluto questo posto buono per un pubblico locale ed anche internazionale, già abituato a scegliere il meglio, e per chi voglia alimentarsi in modo salubre.

Un paio di consigli da parte nostra: una tostata vegana con crema di avocado, pomodori Pachino, olive taggiasche, ravanelli o un piatto energizzante e finalmente sano con ricotta, frutta di stagione, mandorle tostate, sesamo e miele. Gusti superlativi che ci sembrano nuovi e ci lasciano soddisfatti: sappiamo cosa abbiamo mangiato e perchè lo abbiamo fatto.

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
On Key

Related Posts

Willem de Kooning e l’Italia

Alle Gallerie dell’Accademia  di Venezia (tutti i giorni dalle 8.15 alle 19.15, tranne il lunedì 8.15-14, aperta fino al 15 settembre) è stata inaugurata la

Residenze digitali, Amat premia un fanese

Premiata la creatività marchigiana nella quinta edizione di Residenze Digitali, una chiamata nazionale agli artisti della scena contemporanea che vogliano espandere i propri confini esplorando lo spazio

Claudio Bisio, come raccontarsi male

Martedì 23 e mercoledì 24 aprile, alle ore 21.15, salirà sul palco del teatro Rossini di Civitanova Marche un Claudio Bisio accattivante, carismatico e irriverente con La mia vita