Il Pesciolino, sapori di mare a Siviglia

Soltanto la musica è all’altezza del mare, diceva Camus. E’ lì che siamo nati, in quel punto esatto dove l’incanto della brezza e il fruscio delle onde si incontrano. In quel posto, in quelli che ancora si chiamano “ristorantino di mare”, c’è sempre un gestore capace di accoglierci come un amico di lunga data e spiegarci perchè si mangia così bene. 

Immaginate questo respiro di salsedine e libertà e spostatelo al centro di Siviglia. E’ qui che potrete sedervi – sulla riva, appunto – al “Pesciolino”, autentica trattoria ” di mare” con essenze di cultura spagnola, italiana e internazionale (asiatica, nello specifico). Nel locale di calle Mateos Gago si possono gustare le classiche fritture, il risotto alla pescatora, le sardine a beccafico, la pasta combinata con un pesce freschissimo in tutte le maniere.

Sciccherie come ostriche e alici del Cantabrico che ben si combinano con piatti magici come la Moqueca de pescado, i semplici e imperdibili ahumados e pulpo, fino alla scoperta di nuovi sapori come la lasagna wonton o il Kioto. Sono eccellenze giapponesi che si combinano con il rispetto rigoroso della tradizione. Un viaggio insomma gourmet per chi vuole gustare i suoi piatti di sempre, ma anche sperimentare senza avventurarsi nell’ignoto. 

Il tutto in una trattoria che assomiglia a quelle accoglienti della nostra gioventù. Carta dei vini giusta ed efficace. “Dimmi quel che mangi e ti dirò chi sei” sottolineava Anthelme Brillat-Savarin nella sua celebre frase. Se è così, siamo nel posto esatto: tra onde e brezze gustiamo la freschezza oggi di Siviglia.

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
On Key

Related Posts

“Ensueños de amor” incanta Roma

Il Teatro di Villa Torlonia è stato il magnifico scenario per una rappresentazione unica. “Ensueños de amor”, la meravigliosa opera del maestro Luis Humberto Salgado,

L’omaggio di Civitanova a Pollastrelli

Civitanova renderà omaggio al Cavaliere Giorgio Pollastrelli, presidente storico della sezione Anac, Cavalleria militare marchigiana domenica prossima alle ore 10.30, in Piazza Abba, dove si