Il logo è politico e va tolto dalle magliette. Polemiche a ​Cañada Rosal​

Quel logo della squadra di calcio di ​Cañada Rosal​ ​(Adyo​, che significa ​Asociación Deporte y Ocio) ​era diventato imbarazzante, tanto da far discutere a livelli alti e con minacce di portare la questione nei tribunali. La società che dichiara di voler far luce sull’episodio ha annunciato che il logo del PSOE sarà ritirato da maglie e tute: vanno bene i patrocinadores, ma schierare una squadra con lo stemma di un partito non va bene.

In Russia una delle squadre di futbol de sala più forti si chiama KPRF, è un club che indossa falce e martello, legato al partito e finanziato da Gennadi Zyuganov, tra i fondatori del​ vero Partito Comunista della Federazione Russa, tanto per dire che la politica ha sempre tentato di mettere le mani sullo sport. Non è questo il caso, ma certo sulla questione si vuole far polemica come ai vecchi tempi. Gli arbitri sono sempre stati, per chi perdeva, di sinistra o di destra. Anche le formazioni di calcio più note sono etichettate di una parte o dell’altra e i tifosi seguono docilmente le decisioni del “sentido comun”. Il club si scusa ma il Partido Popolar non ci sta e ha minacciato di ricorrere ai tribunali, in un posto, Cañada Rosal​, in cui il PSOE detta legge avendo il pieno controllo politico. 

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
On Key

Related Posts

“Una noche con Sergio Bernal” a Fermo

Si illumina Villa Vitali, a Fermo, con il ballerino spagnolo Sergio Bernal. Civitanova Danza – festival dedicato al maestro Enrico Cecchetti, realizzato su iniziativa di Civitanova Marche, dell’Azienda Teatri di

Lasciate sbocciare i cento fiori

E’ stata inaugurata la mostra d’arte “Lasciare sbocciare i cento fiori” (da una famosa frase di Mao): verrà ospitata all’auditorium Sant’Agostino di Civitanova Alta. Il percorso esplora