Quella che vedete nella foto è la vita vera: senza filtri televisivi, senza parole, frutto di quelle guerre giornaliere (la prossima magari a Kiev per ravvivare le prime pagine dei giornali di tutto il mondo) che ci umiliano. Mustafà è un bambino siriano di 5 anni, nato senza arti per via delle armi chimiche in Siria. Quello accanto a lui è il padre, menomato da un’esplosione. Sono arrivati in Italia, a Siena, dove stanno vivendo una nuova vita. Si può parlare di felicità in questo caso? A maggior ragione, con la tristezza delle persone tristi che ci piomba addosso ogni giorno.

Mustafà sta imparando l’italiano, dice la maestra che lui e i suoi fratelli sono bravissimi. Hanno voglia di vivere, così si vede nella foto di copertina che ha vinto il prestigioso Siena International Photo Awards e l’ha fatto conoscere al mondo: così imperfetto e piccolo, eppure così grande e capace di schiacciarci nella sua allegria contagiosa. Mustafà e la sua famiglia vivono in un appartamento di due camere, una cucina, bagno: c’è addirittura un piccolo giardino per la famiglia Al Nazzal. Siamo tornati a sperare, ripetono. Il vescovo di Siena ha detto loro: “Adesso siete liberi di guardare al futuro e di costruirlo senza impedimenti”. Il nostro futuro.

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
On Key

Related Posts

Willem de Kooning e l’Italia

Alle Gallerie dell’Accademia  di Venezia (tutti i giorni dalle 8.15 alle 19.15, tranne il lunedì 8.15-14, aperta fino al 15 settembre) è stata inaugurata la

Residenze digitali, Amat premia un fanese

Premiata la creatività marchigiana nella quinta edizione di Residenze Digitali, una chiamata nazionale agli artisti della scena contemporanea che vogliano espandere i propri confini esplorando lo spazio

Claudio Bisio, come raccontarsi male

Martedì 23 e mercoledì 24 aprile, alle ore 21.15, salirà sul palco del teatro Rossini di Civitanova Marche un Claudio Bisio accattivante, carismatico e irriverente con La mia vita