Macerata, Comune e Università (che ha sia studenti russi che ucraini) “convocano” un flash mob per la Pace

(articolo di Maurizio Verdenelli) – Flash mob contro la guerra nelle piazze a Macerata. “Una macchina gioiosa fatta di volti di ragazze e ragazzi nella cornice festosa e colorata che abbiamo visto tante volte in piazza della Libertà durante le cerimonie pubbliche organizzate dall’Università. Massime nelle occasioni di ripartenza post Covid, negli intervalli limitati che la pandemia tra un’ondata e l’altra ci ha concesso” ha detto Sandro Parcaroli, sindaco di Macerata e presidente della Provincia.

Angosciato dal progress del conflitto in atto e per ultimo, del nulla di fatto dal colloquio Lavrov-Kuleba. “Un’angoscia che a me e al rettore Francesco Adornato ha spinto a telefonarci per tentare di fornire un segnale da questa città della Pace. Macerata è, infatti, sede di un antico ateneo che ospita in misura uguale studenti russi ed ucraini (sarebbero circa duecentocinquanta ndr). Giovani che convivono nelle varie facoltà in un’atmosfera di vicinanza, amore per lo studio e pure amicizia. Allora perchè non far partire da Macerata ‘Città di Maria’ e punto di partenza del grande pellegrinaggio per Loreto (che ha avuto ospite Fausto Biloslavo, uno dei più apprezzati inviati a Kiev ndr) questo appello comune per la Pace?”. 

Le cronache intorno alla guerra Russia-Ucraina hanno lambito Macerata anche per la decisione della stagione lirica di sospendere il concerto finale che avrebbe visto il maestro Valery Georgiev, legato a Vladimir Putin, sul podio dello Sferisterio. 

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
On Key

Related Posts

Willem de Kooning e l’Italia

Alle Gallerie dell’Accademia  di Venezia (tutti i giorni dalle 8.15 alle 19.15, tranne il lunedì 8.15-14, aperta fino al 15 settembre) è stata inaugurata la

Residenze digitali, Amat premia un fanese

Premiata la creatività marchigiana nella quinta edizione di Residenze Digitali, una chiamata nazionale agli artisti della scena contemporanea che vogliano espandere i propri confini esplorando lo spazio

Claudio Bisio, come raccontarsi male

Martedì 23 e mercoledì 24 aprile, alle ore 21.15, salirà sul palco del teatro Rossini di Civitanova Marche un Claudio Bisio accattivante, carismatico e irriverente con La mia vita