Rinviato il progetto della Grande Russia. Ora basta un quasiasi risultato (il Donbass)

E’ ormai chiaro, come ha confermato ieri il segretario alla Difesa degli Stati Uniti, Lloyd Austin, che Putin abbia ritirato le truppe a nord di Kiev (rinunciando per ora al suo desiderio originario, quello di prendere la capitale e insediare un governo a sua immagine) per concentrasi sulla conquista del Donbass, obiettivo primo della sua “fantasiosa” campagna militare. Preso atto di ciò, ne seguono due considerazioni: la prima è che Putin vuole portare a casa in tempi rapidi un risultato (che non si vede per ora) e su questo coincide la “sua” data di fine guerra, almeno per la prima fase, fissata per inizio maggio. La seconda è che quando termineranno i primi due o tre mesi di conflitto, anche seduti a un tavolo delle trattative, la minaccia russa rimarrà la stessa. Difficile che l’uomo forte della Grande Russia che ha immaginato si accontenti di piccoli risultati.

Almeno questo al momento lo scenario, mentre continuano ad essere scoperti i massacri sul modello di quello di Bucha (esecuzioni sommarei, violenze di ogni genere sui civili, stupri) e per questo da ieri la Russia è fuori dal Consiglio dell’Onu dei diritti umani, anche se il voto contrario della Cina e l’astensione dell’India prefigurano la geopolitica futura che abbiamo immaginato in queste settimane.

Il presidente americano Joe Biden ha detto che si tratta “di un significativo passo da parte della comunità internazionale per dimostrare ulteriormente come la guerra di Putin abbia reso la Russia un paria internazionale”, ma pensa che è forse ora di spingere l’acceleratore su sanzioni ai russi e invio di armi vere agli ucraini, più di quanto sia stato fatto sino ad oggi. Il Parlamento europeo vuole applicare l’embargo “totale e immediato” all’energia russa, che sia carbone o petrolio o soprattutto gas. Vedremo, è argomento difficile, e non sarà crediamo l’incontro di oggi tra Ursula von der Leyen e il presidente ucraino Zelensky a risolvere del tutto la questione. 

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
On Key

Related Posts

IPA (Indian Pale Ale)

(Il Mondo della Birra – articolo di Giovanni Rodolfi) – Passando per gli stand della fiera di Rimini (BEER & FOOD. Attraction) tra le tante