Propaganda e paroloni. Ma questa non è Civitanova

Abbiamo chiesto a tanti colleghi, compresi coloro che per vari motivi non sono teneri con questa amministrazione, se ci sia sfuggito qualcosa nella vicenda del fuorionda fornito ai media dall’avvocato Silvia Squadroni. Se insomma siano individuabili parvenze di reato in quel video che abbiamo visto. La risposta è stata sempre negativa perchè, effettivamente, di clamoroso in quelle immagini e parole non c’è niente. E’ per questo che l’annuncio dell’acquisizione del video del post Consiglio comunale da parte della Procura non può che essere un fatto positivo.

Finalmente sapremo la verità sulla vicenda, se sia rilevante o no. Benchè si sappia sin d’ora che il solo scopo della denuncia ai media (e non alla Procura appunto che avrebbe acquisito i video per conto proprio a seguito del pubblicazione) sia quello di colpire l’opinione pubblica nel suo lato più selvaggio e meno attento, buttando qua e là trappole per vedere se qualcuno ci si ferisce. Un metodo che non appartiene alla nostra cultura, dettato non da una ricerca di verità ma da una campagna elettorale sempre più aggressiva e per questo – a volte si prendono male le misure – ancora più pericolosa. 

Possiamo sbagliarci perchè può capitare. Ma ci intristisce come la propaganda, i paroloni, le accuse quasi sempre non documentate, riducano Civitanova, che potrebbe diventare – e forse già lo è – la “capitale” marchigiana, un paesetto di chiacchiere e insulti. Il dibattito politico sembra non avere più spazio per i programmi, che sono poi quelli che servono alla città.

Proprio ieri Civitanova ha ricevuto la Bandiera Lilla, riconoscimento per l’attenzione della città all’accessibilità e alle persone diversamenti abili. Chi si ricorda più, in questi giorni d’odio, che la città sta già cambiando volto con un corridoio bello e moderno che dal Comune arriverà direttamente al mare e la renderà green più di tante altre città? Chi guarda al futuro della città se stiamo discutendo di un video vecchio di due anni e mai tirato fuori in tutto questo tempo?

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
On Key

Related Posts

L’esodo che verrà

Senza acqua nè luce, nella capitale come nelle città più importanti del Paese, molti ucraini lasceranno, almeno per l’inverno, le proprie case. Si prevede che prima