Civitanova ricorda la sua Liberazione. Ecco il programma delle commemorazioni

Il 29 giugno del 1944, Civitanova veniva liberata dal nazifascismo grazie al valore dei soldati polacchi del Reggimento “Lancieri dei Carpazi” che attraversarono il fiume Chienti, ma quel giorno, un giovane militare polacco mise il piede su una mina tedesca e perse la vita. Sono passati 78 anni.

Comune (con il patrocinio della Provincia di Macerata) e Anpi hanno organizzato il programma della celebrazione della ricorrenza, che comincerà con il ricordo del giovane polacco a Santa Maria Apparente, alle 10,30. Il corteo si sposterà poi a Civitanova Alta, presso il ponte di Madonna degli Angeli, alle ore 11, con la deposizione della corona di alloro sulla targa che ricorda il passaggio dei mezzi corazzati delle truppe alleate che poi proseguirono lungo la strada Provinciale per la liberazione degli altri Comuni. Alle ore 11,30 la giornata terminerà con la deposizione di un’altra corona presso la lapide della ricorrenza della Liberazione di Civitanova Marche in piazza Gramsci.

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
On Key

Related Posts

Willem de Kooning e l’Italia

Alle Gallerie dell’Accademia  di Venezia (tutti i giorni dalle 8.15 alle 19.15, tranne il lunedì 8.15-14, aperta fino al 15 settembre) è stata inaugurata la

Residenze digitali, Amat premia un fanese

Premiata la creatività marchigiana nella quinta edizione di Residenze Digitali, una chiamata nazionale agli artisti della scena contemporanea che vogliano espandere i propri confini esplorando lo spazio

Claudio Bisio, come raccontarsi male

Martedì 23 e mercoledì 24 aprile, alle ore 21.15, salirà sul palco del teatro Rossini di Civitanova Marche un Claudio Bisio accattivante, carismatico e irriverente con La mia vita