Italia e Dalmazia unite. Da una famosa canzone che cerca un interprete nel Belpaese

Un ponte culturale attraverso le nazioni. Sì, anche attraverso la musica. Ed è rilevante l’inziativa dell’Academy Liszt Music Art (ALMA) che, attraverso Alceste Aubert, Project Manager, sta cercando un grande interprete italiano per la versione italiana di “Ricordo di Vela Luka”, forse la più famosa canzone dalmata (“Sjećanje na Velu Luku“) che compie in questi giorni 60 anni.

Branko Žuvela Doda, originario di Vela Luka (Vallegrande), isola di Curzola, è l’autore croato, mentre l’autore della versione italiana (fatta 10 anni fa) è il M° Massimo Rogante, Presidente Onorario dell’ALMA.

La canzone originale, nei suoi 60 anni di vita è stata eseguita innumerevoli volte, specialmente in Dalmazia e soprattutto dal più famoso cantante croato Oliver Dragojević, anch’egli originario di Vela Luka (vedasi il link https://www.youtube.com/watch?v=ZxaqG84EHjs).

Così ha ricordato Massimo Rogante i lacci culturali che ci uniscono alla Dalmazia: “La nostra Civiltà Picena, prevalentemente situata nelle Marche, è stata sicuramente influenzata dalle popolazioni dalmate, in particolare i Liburni, che avevano il controllo del commercio dell’Adriatico per impedirne l’accesso ai mercanti greci. La nostra comune cultura Adriatica, particolare all’interno dell’area mediterranea, appartiene a una lunga civiltà che condivide abitudini, tradizioni, religione Cattolica e caratteristiche antropologiche tipiche del popolo Adriatico”.

E sulla nascita della versione italiana della celebre canzone: “Pochi minuti prima di recarmi al concerto di Oliver del 6 Agosto 2015 a Vela Luka, ero col poeta cantautore Branko Žuvela Doda, di cui avevo realizzato la versione ufficiale in italiano della sua famosa canzone. Insieme al nostro comune amico Jerko Andreis Stalijar, anch’egli poeta di Vela Luka, incontrammo proprio Oliver, che aveva cantato tale popolarissimo motivo tantissime volte e che mi chiese se avrei potuto creare una versione in lingua napoletana dei suoi brani più noti, ad esempio, Skalinada, Malinkonija, Nadalina e Nocturno…”. Nella foto di copertina: Branko Žuvela Doda e Massimo Rogante.

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
On Key

Related Posts

L’esodo che verrà

Senza acqua nè luce, nella capitale come nelle città più importanti del Paese, molti ucraini lasceranno, almeno per l’inverno, le proprie case. Si prevede che prima