Nadal chiama a rete Sonego: “Gridi troppo”. L’italiano: “Si fa in terza categoria non a Wimbledon”

“Non possiamo sapere se l’ha fatto apposta o no”. La battaglia delle grida in campo fa capolino a Wimbledon. Tutti gli sportivi sapevano che prima o poi, con quegli strani rumori emessi durante il gioco, sarebbe stato così. In un momento chiave della partita, peraltro dominata ma in quel momento si era sul 4 a 4, Nadal ha richiamato l’italiano Sonego a rete, con un gesto insolito, per lamentarsi… dei suoi lamenti.

“Lorenzo, scusami, ma mi è sembrato che hai gridato troppo a lungo”. Sonego lì per lì ci è rimasto male, ma poi il campione spagnolo si è scusato nella conferenza stampa del match vinto, lasciando intravedere agli appassionati che forse, in un momento topico della partita, ha fatto scendere in campo un po’ di tattica e esperienza: “Mi sono sbagliato e non rifarei. Lo avrei potuto dire all’arbitro nel cambio di campo”. Un nervosismo di troppo, che non è da Nadal.

L’italiano non l’ha presa troppo bene: “Non esiste che un giocatore chiami a rete un altro, si fa in terza categoria non a Wimbledon… In quel momento mi ha condizionato. A fine partita si è scusato, è stato educatissimo. Io gli ho detto che però in quel momento mi aveva condizionato”. Il 6-1, 6-2 y 6-4 non ammette repliche. La polemica sobre le grida sì. Anche perchè vedremo in quanti – il primo passo è stato fatto da un campione – si lamenteranno degli sforzi degli avversari. Fino a pochi anni fa in campo c’era un silenzio tombale.

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
On Key

Related Posts

L’esodo che verrà

Senza acqua nè luce, nella capitale come nelle città più importanti del Paese, molti ucraini lasceranno, almeno per l’inverno, le proprie case. Si prevede che prima