VitaVita, torna il festival. Anteprima il primo settembre alla Pinacoteca civica

Omaggio alla voce di un grande attore, Vittorio Gassman nel centenario della nascita: si aprirà così il primo settembre il sipario sulla 19esima edizione di VitaVita, Festival internazionale d’Arte vivente ideato e diretto da Sergio Carlacchiani.

Per l’anteprima, è stata scelta come luogo del cuore la Pinacoteca civica Marco Moretti, nel cui Giardino alle ore 21,15 sarà proposto un percorso di poesia e musica attraverso i personaggi della Divina Commedia, con l’attrice Viviana De Marco accompagnata dai musicisti Fausto Palmieri e Olena Kocherga. L’eccelsa flautista ucraina arrivata a Civitanova Marche, dopo lo scoppio della guerra, verrà premiata dal sindaco Fabrizio Ciarapica che le consegnerà il Premio VitaVita Giovane Talento 2022.

Dopo lo spettacolo “Della mia compagnia costui sovvemmi…”, l’attore leopardista Sergio Carlacchiani
(sua è la voce che recita i Canti del famoso poeta sul cd voluto da Casa Leopardi nel 2012) si esibirà in un omaggio alla voce del grande Vittorio Gassman, nel centenario della nascita. Seconda esibizione al Festival di Carlacchiani in diciannove anni, la prima fu in una delle prime edizioni: una brevissima performance al Teatro Annibal Caro di Civitanova alta, accompagnato dal maestro Lorenzo Di Bella al pianoforte.

Il programma completo con gli ospiti della 19esima edizione di VitaVita, che quest’anno si articolerà nei
primi tre giorni di settembre, in tre differenti location (il primo settembre a Civitanova Alta – Giardino
Pinacoteca, il 2, Civitanova Marche – Solo Teatro Rossini, il 3, performances in tutto il centro città) sarà
illustrato lunedì. VitaVita Festival è organizzata da Comune di Civitanova Marche in collaborazione con l’azienda Teatri di Civitanova. Prenotazione consigliata al numero 0733.812936

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
On Key

Related Posts

Valeriano Trubbiani ritrova la sua Città

(articolo di Maurizio Verdenelli) – Valeriano, il ragazzo di Villa Potenza, ritorna a Macerata. L’allievo dello scultore ‘del marmo’ De Angelis, varca quei pesanti Cancelli