L’operazione “London Bridge” è già cominciata

L’operazione “London Bridge”, pronta da decenni, ha già attivato i suoi cerimoniali. The Queen, la Regina Elisabetta, è morta ieri “serenamente”. Attoniti i suoi fedeli sudditi, che l’hanno amata più di ogni altra cosa per aver dato stabilità alla Nazione e averne rappresentato i valori, dopo 70 anni di regno.

Ieri mattina, con un comunicato ufficiale, i medici si erano detti “preoccupati per il suo stato di salute”, una dichiarazione inusuale che serviva a preparare gli inglesi alla tragica notizia. Alle 16 i conduttori in onda sulla BBC si sono vestiti di nero: una parte del piano “Ponte di Londra”. Il figlio Carlo e la consorte Camilla sono andati subito a Balmoral al capezzale della regina insieme agli altri tre figli Anna, Edoardo e Andrea. Due giorni fa l’ultima apparizione, in piedi, ma pallida e con lividi sulle mani, ricevendo la nuova premier Liz Truss.

Il Primo Ministro, attraverso il segretario privato della Regina, è stato il primo ad essere informato, assieme ai deputati e ai servitori della Corona che hanno ricevuto una mail che ha dato la notizia della scomparsa: “Dear colleagues, It is with sadness that I write to inform you of the death of Her Majesty The Queen”. Successore di Elisabetta è il figlio Carlo. La bara con le spoglie di Elisabetta ritornerà a Buckimgham Palace dalla Scozia.

Nei prossimi giorni Re Carlo visiterà il Parlamento scozzese e la Cattedrale di S. Giles a Edimburgo, il castello nordirlandese di Hillsborough e la Cattedrale di Sant’Anna a Belfast. Poi sarà la volta del Parlamento gallese e una messa sarà celebrata nella Cattedrale Liandaff di Cardiff. Inoltre una processione partirà dal Palazzo Reale e un’altra funzione verrà celebrata a Westminster Hall. Il funerale della Regina Elisabetta avrà luogo nell’Abbazia di Westminster Abbey, il suo corpo tumulato nella Cappella del Re Giorgio IV nel Castello di Windsor.

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
On Key

Related Posts

L’esodo che verrà

Senza acqua nè luce, nella capitale come nelle città più importanti del Paese, molti ucraini lasceranno, almeno per l’inverno, le proprie case. Si prevede che prima