Carlo III: “I ruoli e i doveri della monarchia restano”

La scomparsa a 96 anni della “roccia su cui è stata costruita la Gran Bretagna moderna” – la definizione è del primo ministro britannico Liz Truss –  ha colpito anche Vladimir Putin che, a sorpresa, ha scritto al nuovo Re suggerendo “coraggio e perseveranza di fronte a questa grave e irreparabile perdita”. Carlo ha tenuto il primo discorso da reggente. Si è rivolto alla Nazione sottolineando di volerla servire con “amore, lealtà e rispetto”. “Mia madre stata un esempio per tutti, siamo in debito con lei. Oltre al dolore provo un senso di gratitudine, ha servito il suo popolo”. E ha aggiunto, imprtante ma non scontato, che “i ruoli e i doveri della monarchia restano”.

La proclamazione ufficiale oggi, a 74 anni dopo aver aspettato una vita, al St James’s Palace di Londra. Carlo III si è laureato 52 anni fa in Archeologia e Antropologia. E’ un ambientalista convinto e un grande filantropo, con grande attenzione agli ultimi del mondo: è sponsor di oltre quattrocento enti di beneficenza. Camilla Parker Bowles, sua moglie da 17 anni, diventerà la First Lady d’Inghilterra e la coppia, dopo i tragici eventi di oltre trent’anni fa con la morte di Lady D e la conseguente perdita di fiducia nella monarchia, sembra invece oggi amata dai sudditi. 

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
On Key

Related Posts

A Civitanova l’antologia di Sauro Cecchi

Dal 21 aprile al 5 maggio, l’ex chiesa di Sant’Agostino di Civitanova Alta ospiterà “Antology”, la mostra dell’artista marchigiano Sauro Cecchi, patrocinata dal Comune di