Ricostruzione, a San Severino 340 cantieri chiusi

Sono 340 i cantieri chiusi a San Severino Marche a seguito dei lavori di ricostruzione dopo il terremoto del 2016. Tra le strutture tornate di nuovo agibili anche intere palazzine, attività commerciali, artigianali, industriali e agricole.

“Il finanziamento delle pratiche private ha raggiunto la cifra di 188.491.482,11 euro – ha spiegato il sindaco, Rosa Piermattei, facendo un bilancio nel corso dell’ultima seduta del Consiglio comunale – La somma andrà per il recupero di 495 edifici di cui 264 interessati da interventi di ricostruzione leggera (per un importo di 39.129.035,53 euro), altri 97 da ricostruzione pesante (per un importo di 86.295.142,02 euro), 131 dall’Ordinanza 100 emanata dal Commissario Straordinario alla Ricostruzione, avvocato Giovanni Legnini, (per un importo di 61.990.615,11 euro) e ulteriori 3 edifici che saranno interessati dall’Ordinanza 13/2017 (per un importo di 1.076,689,45 euro)”. 

In totale sono 887 le istruttorie presentate all’ufficio Sisma. Di queste, 382 fanno riferimento alla ricostruzione leggera di edifici classificati come B e C con scheda Aedes. Altre 267 sono relative, invece, alla ricostruzione pesante di edifici classificati come E con scheda Aedes. 

“Ulteriori 225 pratiche sono quelle relative alla medesima Ordinanza 100 del Commissario straordinario Sisma, emanata – ha spiegato la Piermattei – per facilitare proprio la ricostruzione di immobili danneggiati dalle scosse mentre, con riferimento alla ricostruzione delle attività produttive, sono 13 le pratiche presentate. Ulteriori 54 richieste hanno interessato, infine, la delocalizzazione sempre delle attività produttive per le quali sono previsti contributi per oltre 700mila euro”.

Dei 340 cantieri già chiusi 294 sono quelli relativi alla ricostruzione privata, altri 3 alla ricostruzione pubblica e 43 per interventi su proprietà che hanno fatto ricorso al Sisma Bonus. Ammontano, infine, a quasi 4 milioni di euro gli interventi che riguardano gli edifici pubblici. Tra questi, il recupero di palazzo Governatori, dell’Istituto Professionale Pocognoni, dell’ex scuola di Stigliano, di un alloggio  a Porta Romana e del Palazzo Comunale.

“In totale – ha poi concluso il sindaco di San Severino Marche parlando dei lavori post sisma in città – tra la ricostruzione privata, quella pubblica e quella che interessa gli edifici di culto, sono già stati finanziati oltre 190 milioni di euro, esattamente siamo a 193.466.590,35 euro”.

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
On Key

Related Posts

Willem de Kooning e l’Italia

Alle Gallerie dell’Accademia  di Venezia (tutti i giorni dalle 8.15 alle 19.15, tranne il lunedì 8.15-14, aperta fino al 15 settembre) è stata inaugurata la

Residenze digitali, Amat premia un fanese

Premiata la creatività marchigiana nella quinta edizione di Residenze Digitali, una chiamata nazionale agli artisti della scena contemporanea che vogliano espandere i propri confini esplorando lo spazio

Claudio Bisio, come raccontarsi male

Martedì 23 e mercoledì 24 aprile, alle ore 21.15, salirà sul palco del teatro Rossini di Civitanova Marche un Claudio Bisio accattivante, carismatico e irriverente con La mia vita