La Scuola albanese compie 6 anni. Anniversario celebrato con un convegno sull’integrazione

Sei anni fa nasceva la Scuola albanese a Macerata. Un anniversario importante, celebrato alla presenza di oltre 120 persone nell’Auditorium della Biblioteca Comunale con un convegno sul tema “Integrazione ed interazione a tutela della legalità. Incontro con la comunità albanese”, organizzato dalla sede maceratese dell’Associazione Nazionale della Polizia di Stato e dalla Lega degli Insegnanti Albanesi in Italia, presieduta da Ariana Kosovo Hoxha.

Erano presenti all’evento anche anche i relatori: la Dirigente dell’Ufficio Immigrazione della Questura, Commissario Anna Moffa, l’Assessore alla Sicurezza Paolo Renna e la studentessa universitaria albanese Shpresa Kadria che ha raccontato la sua esperienza, moderatore il Presidente dell’Anps Giorgio Iacobone. L’assessore Renna nell’occasione ha altresì raccolto l’invito del rappresentante della comunità marocchina, Omar Cherqaoui, che in un breve intervento di saluto ha sollecitato l’amministrazione comunale a ripristinare la consulta degli stranieri.

Sono intervenuti anche il Questore Vincenzo Trombadore, il Funzionario dell’ONU Andrea Angeli, l’Ambasciatore della Macedonia del Nord Vesel Memedì, il Magistrato di Sorveglianza Scapellato Filippo, il capogruppo di Fratelli d’Italia Pierfrancesco Castiglioni e il consigliere del Movimento 5 Stelle Roberto Spedaletti. Inoltre Massimiliano Balducci, ad della Balducci CBF ha raccontato dello sviluppo della sua azienda – un indotto di centinaia e centinaia di operai – in Albania.

Sono intervenuti tanti albanesi provenienti dalla Macedonia, dal Kosovo e dall’Albania tra i quali il Prof. Neat Marku, laureato a Pristina, della Macedonia del Nord, Drita Kandrija universitaria a Macerata e gli studenti dell’Università di Camerino Diana Pili, Franceska Paja, Eronit Bytyqi, Zanfina Kovaqi, Ereza Abdullahu, Blend Regina, Sidorela Berisha, Denada Carni, Doriana Puka. (Nella foto la prof. Ariana Hoxha Kosova, presidente della Lega degli insegnanti albanesi in Italia)

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
On Key

Related Posts

L’esodo che verrà

Senza acqua nè luce, nella capitale come nelle città più importanti del Paese, molti ucraini lasceranno, almeno per l’inverno, le proprie case. Si prevede che prima