Indecisioni Ue sul price cup. Nel frattempo Francia e Germania firmano un patto a due sull’energia

Nelle stesse ore in cui la Confindustria italiana ha lanciato allarmi sugli “invidualismi che minano la solidarietà europea”, Francia e Germana hanno siglato un accordo di “sostegno reciproco” sulle questioni energetiche. Un superpatto che dovrebbe garantire gli approvigionamenti anche in momenti di estrema difficoltà.

E’ evidente la difficoltà Ue di mettere tutti d’accordo, specie sul prezzo del gas russo, il price cup a cui tutti (Germania esclusa) ambiscono ma una decisione comune non arriva mai a traguardo. Il cancelliere tedesco, Olaf Scholz, e la prima ministra francese, Elisabeth Borne, nel frattempo sono andati avanti nei lavori.

“La Francia e la Germania hanno reciprocamente bisogno una dell’altra per superare le tensioni energetiche. È il senso dell’accordo di solidarietà che abbiamo appena concluso per attuare scambi di gas ed elettricità tra i nostri due Paesi ed agire insieme nel quadro dell’Unione europea” ha twittato la Borne nel giorno in cui i tedeschi hanno avuto una buona notizia: il Pil nel terzo trimestre dell’anno è cresciuto dello 0,4%, anche oltre le stime iniziali. La crescita annuale è dell’ 1,3%.

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
On Key

Related Posts

Nell’olimpo della Dea

(articolo di Giovanni Rodolfi) – Quanti anni sono passati dalla partita contro il Malines. Quante cose sono cambiate. Quanti tifosi sono passati. Di fatto c’è