Pesaro-Corea, un’amicizia lunga cinque anni. La Daegu Opera House per Pesaro 24

Un viaggio per portare Pesaro 2024 in Corea, stringere nuovi legami con le più importanti realtà del mondo culturale, concordare azioni ed iniziative per il prossimo futuro all’insegna del genio rossiniano, della sua musica, della creatività e della sostenibilità de “La natura della cultura”. Si è appena conclusa la visita di Daniele Vimini, vicesindaco assessore alla Bellezza di Pesaro nel “Paese del calmo mattino” ospite della Daegu Opera House, ente organizzatore del Daegu Opera Festival, il più importante d’opera d’Asia.

“Incontri, relazioni e progetti – ha spiegato Vimini – che tornano a stringersi a distanza di 5 anni dal 2018, quando per il 150esimo anniversario rossiniano allacciammo le relazioni tra il ROF e la Daegu Opera House. Nella relazione fatta a Daegu abbiamo presentato come le caratteristiche di un evento come il ROF siano traino fondamentale per innalzare la cultura di un territorio e potenziarne le economie a questa collegata”.

Non solo, “l’approccio green del nostro Festival, premiato dalla certificazione Ecoevents, guiderà le sfide future a cui entrambe le realtà sono chiamate ed è stato un esempio di buone prassi che abbiamo potuto raccontare alla cerimonia finale del Daegu Global Forum, giunto alla 20esima edizione, a cui abbiamo partecipato insieme alle altre città UNESCO per approfondire il ruolo delle comunità creative per il contrasto al cambiamento climatico in ottica di sostenibilità. Un racconto, il nostro, che ha avuto anche nell’innovazione tecnologica della Sonosfera, simbolo di Pesaro 2024, un esempio apprezzato” ha precisato Vimini nell’aggiungere che la giornata è stata anche occasione per sottolineare l’impegno al prossimo forum annuale al prossimo forum annuale delle città di London 2024 a cui seguirà Pesaro nel 2025.  

La cinque-giorni di Vimini ha toccato anche la capitale Seul, per due giorni di incontri con i più importanti esponenti del mondo turistico e culturale del Paese. Tra i meeting, quelli con la Korea Foundation, con la Korea Foundation for International Cultural Exchange e con Michela Magrì, direttrice dell’Istituto culturale italiano, “con cui abbiamo rafforzato le progettualità legate alla promozione di Pesaro 2024 e del ROF e quelle che permetteranno di coinvolgere le nostre imprese nella Seoul Design Week del marzo prossimo”. Sempre in tema di design, ambito per il quale Seoul è città creativa UNESCO, il vicesindaco ha incontrato anche il presidente della Seul Design Foundation Rhee Kyung-don, “che si è detto interessato a conoscere le nostre aziende a partire dalla prossimo Salone del Mobile di Milano 2024”.

Accompagnato dal maestro Jae – moo Yang, direttore del coro “I Maestri Voice Orchestra” – già protagonista dei concerti del 150esimo Rossiniano che ritroveremo nel 2024 a Pesaro – Vimini ha inoltre incontrato la sindaca di Gwacheon City Hall, Shin Gye-yong, per rinnovare la firma del protocollo d’amicizia tra le città e l’invito alla Korean Week che vogliamo organizzare a Pesaro nel 2024, durante la Mostra Internazionale del Nuovo Cinema (che avrà un focus sulle pellicole di Seul), su ispirazione della K-Week di Roma, appena conclusa con grande successo e promossa dall’Istituto Culturale Coreano. A seguire è stata l’intervista dedicata a Pesaro 2024, Capitale italiana della cultura che il vicesindaco ha fatto a Kim Ho-jeong, giornalista del quotidiano Joongang Daily, tra le più importanti testate giornalistiche culturali della Corea.

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
On Key

Related Posts

Nell’olimpo della Dea

(articolo di Giovanni Rodolfi) – Quanti anni sono passati dalla partita contro il Malines. Quante cose sono cambiate. Quanti tifosi sono passati. Di fatto c’è