Pesaro Capitale 2024 apre i battenti. Festa di piazza, ma anche parlando di ambiente, pace e legalità

Si è aperta la festa della Cultura che renderà il 2024 di Pesaro un anno straordinario. Rai Radio2 ha seguito l’evento in diretta, il CaterCapodanno seguito da migliaia di persone – cinquemila secondo le stime – accorse in piazza del Popolo per salutare l’arrivo del nuovo Anno con Colapesce e Dimartino, Valerio Lundini e I Vazzanicchi. 

“Una serata straordinaria – ha commentato il sindaco Matteo Ricci – Pesaro ha salutato il 2023, e dato il benvenuto al 2024, come meglio sa fare: con una grande festa della città, all’insegna della musica, dell’arte, della condivisione e della partecipazione. La dimostrazione che Pesaro ha voglia di essere capofila e protagonista della rete di città ‘medie’ della cultura. È stato bellissimo iniziare questo anno speciale così”.

Ma è stata l’occasione anche per parlare di sociale: di ambiente e sostenibilità in riferimento alla Cop 28, di pace e cultura con un collegamento da Gerusalemme con l’istituto di musica Magnificat, dove suonano ragazze e ragazzi ebrei, cristiani e musulmani e uno da Nova Gorica e Gorizia, capitali europee della Cultura il prossimo anno, con Don Ciotti. “Il migliore avvio di Pesaro 2024-Capitale italiana della cultura” ha aggiunto il vicesindaco e assessore alla Bellezza Daniele Vimini.

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
On Key

Related Posts

Trent’anni dopo Hank è vivo

Nuove edizioni dei suoi capolavori, uno spettacolo teatrale di Roberto Galano dal titolo significativo, “Una notte con Hank” (e il suo piccolo uccello azzurro nel