Macerata Opera Family, il Festival comincia dai più piccoli

Nell’anno in cui il Macerata Opera Festival celebra i cento anni dalla prima opera, il progetto di “Macerata Opera Family”, ha portato, per la prima volta nell’arena maceratese, i più piccoli. In scena le tre versioni originali per altrettante fasce d’età ispirate al Rigoletto di Giuseppe Verdi, compositore cui è dedicata la programmazione estiva 2021 dello Sferisterio. I numeri parlano di 3.785 presenze, di cui 1.149 alunni delle scuole, 26 le scuole iscritte (tra queste 8 asili, 7 scuole dell’infanzia, 11 tra medie ed elementari.

La programmazione ha rappresentato la parte conclusiva del percorso formativo “Sferisterio Education” che ha coinvolto le scuole dagli asili nido fino alle secondarie di secondo grado. L’intero percorso è stato realizzato dall’Associazione Arena Sferisterio, in collaborazione con il Comune di Macerata e AsLiCo e con il sostegno di Trevalli Cooperlat e di Innoliving.

Nell’ambito del “Macerata Opera Family” sono iniziate anche le attività di InclusivOpera, progetto ideato e coordinato da Elena Di Giovanni e realizzato con l’Università di Macerata, il Museo Statale Tattile Omero di Ancona, l’Unione Italia dei Ciechi e degli Ipovedenti e l’Ente Nazionale Sordi. Si tratta di un programma (il primo a essere creato in un teatro italiano) di attività per rendere l’opera accessibile ai disabili sensoriali di tutte le età, ai quali vengono proposti il servizio di audio descrizione per le opere, descrizioni in LIS e percorsi tattili alla scoperta dei titoli in scena. Al progetto hanno preso parte 44 persone; tra queste 15 bambini non vedenti e 8 bambini sordi.

«È stata una grande emozione accogliere i bambini, gli insegnanti e le loro famiglie in un luogo simbolo della città come lo Sferisterio e renderli protagonisti di un progetto che ha riscosso un grandissimo successo e che è stato, di fatto, la vera prima di questo anno dedicato al centenario – è intervenuta l’assessore alla Cultura Katiuscia Cassetta -. Guardando al futuro, ci auguriamo che questa diventi una tradizione del Macerata Opera Festival e ci tengo a ringraziare tutte le scuole e tutti gli insegnanti che hanno creduto, insieme a noi, nella possibilità di accogliere i più piccoli allo Sferisterio per la prima volta dando un segnale di rinascita per l’arte, per la cultura e per l’educazione scolastica».

«L’Amministrazione comunale ha particolarmente a cuore il percorso dell’inclusione anche all’interno della cultura – ha aggiunto l’assessore alle Politiche Sociali Francesca D’Alessandro -. Le persone disabili devono essere messe nella condizione di poter fruire, esattamente come tutti gli altri cittadini, della bellezza dell’arte. Sarà quindi obiettivo primario della Giunta, cercare di abbattere sempre di più, non solo le barriere architettoniche e sensoriali ma anche le barriere culturali che ancora oggi non permettono una vera e sostanziale inclusione; le attività di InclusiveOpera saranno ancora più potenziate e valorizzate affinché non ci siano disparità anagrafiche, sociali, economiche e fisiche».
«Non potevamo iniziare meglio il centenario 2021 – afferma Barbara Minghetti, direttrice artistica del MOF – con migliaia di bambini, ragazzi, famiglie, insegnanti, coinvolti grazie alla precisa volontà dell’assessore Cassetta che ringrazio per aver sostenuto questo progetto. Le tre diverse declinazioni di Rigoletto, in altrettanti spazi dello Sferisterio, ci hanno permesso di ripartire da un pubblico al quale siamo particolarmente legati, che ha partecipato con canti, oggetti e coreografie a simboleggiare la vitalità e la molteplicità dell’opera e del mondo che la caratterizza. È stato un bel modo di vivere lo Sferisterio, in platea ma anche sdraiati sul prato o in palcoscenico, festeggiando il centenario con gli occhi dei più piccoli, per un futuro in musica sempre più condiviso».

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
On Key

Related Posts

L’esodo che verrà

Senza acqua nè luce, nella capitale come nelle città più importanti del Paese, molti ucraini lasceranno, almeno per l’inverno, le proprie case. Si prevede che prima