“La Cura”, dal 30 giugno ritorna il festival letterario Macerata Racconta

Ritorna, dopo l’anno sabbatico della pandemia, il festival letterario nazionale “Macerata Racconta” organizzato dell’associazione Contesto in collaborazione con il Comune di Macerata, con il sostegno della Regione Marche e con il patrocinio dell’Università di Macerata, della Camera di Commercio delle Marche e della Provincia di Macerata. “È un piacere accogliere in città importanti scrittori, giornalisti ed editori con i quali quest’anno dibatteremo un tema di grande attualità quale quello de La Cura – ha detto il sindaco Sandro Parcaroli -. Macerata Racconta sottolinea l’importanza della letteratura e dell’editoria delle quali abbiamo eccellenti esempi in città anche a livello nazionale; gli appuntamenti permetteranno inoltre a Macerata di poter tornare a vivere in ogni suo angolo in un periodo di ripartenza sul quale stiamo puntando moltissimo”.

La manifestazione, per la prima volta, si svolgerà in piena estate occupando spazi all’aperto nel cuore del centro storico cittadino: Galleria Scipione, Galleria Antichi Forni, Orto dei Pensatori e piazza Vittorio Veneto, che per l’occasione diventerà il BPER FORUM a voler sottolineare l’impegno e l’attenzione che l’istituto bancario rivolge verso il mondo della cultura e in particolare della lettura.

L’assessore agli Eventi, Riccardo Sacchi, ha voluto sottolineare che “la manifestazione in grado di coniugare qualità e capacità di attrarre interesse e di suscitare riflessione da dieci anni a questa parte è cresciuta, infatti, a livello esponenziale sia in termini di pubblico che di successo, rappresentando una vetrina d’eccezione per Macerata e un volano per la crescita turistica ed economica del nostro territorio”.

Il programma prevede più di 20 appuntamenti tra incontri letterari, spettacoli, mostre e laboratori con prestigiosi ospiti tra i quali Riccardo Iacona, Edoardo Camurri, Stefano Mancuso, Daniela Raimondi, Nicola Lagioia, Loredana Lipperini, Gino Castaldo, Dario Fabbri, Alberto Mattioli, Franco Arminio, Aldo Nove, Stefano Ricci e UochiToki.

“La Cura” è, secondo il direttore artistico Giorgio Pietrani “un concetto impegnativo, ascrivibile a diversi ambiti teorici e pratici, e implica la necessità incessante di rapportarsi a un insieme complesso di caratteristiche che ci determinano come individui: la fragilità e la vulnerabilità innanzi tutto, ma anche la responsabilità e il rispetto e di certo la competenza e la diligenza. Il valore intrinseco che si esprime nell’atto del prendersi cura o avere cura, di qualcuno o qualcosa o semplicemente di noi stessi, è quello rappresentato dalla volontà di rendere il nostro mondo di riferimento, fatto di corpi, relazioni e ambiente, un luogo ideale dove poter vivere in armonia e nel miglior modo possibile”.

Il programma completo si trova nel sito www.macerataracconta.it insieme alle informazioni utili per le prenotazioni dei posti dove previste. 

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
On Key

Related Posts

L’esodo che verrà

Senza acqua nè luce, nella capitale come nelle città più importanti del Paese, molti ucraini lasceranno, almeno per l’inverno, le proprie case. Si prevede che prima