Cassazione: se si fa male durante la pausa caffè, l’impiegato non deve essere risarcito

L’impiegato che va a prendere il caffè nell’orario di lavoro, anche autorizzato dai superiori, lo fa a suo rischio e pericolo. Lo ha stabilito la Cassazione che ha detto di no alla richiesta di una lavoratrice fiorentina che si era rotta un polso durante una visita al bar: nessun indennizzo per malattia o invalidità perchè la pausa per un caffè, così hanno sentenziato i giudici, è una libera scelta e non un’esigenza impellente in orario di lavoro.

Insomma, fare una pausa non è una cosa di cui non si può fare a meno, come andare in bagno e chi si allontana dall’ufficio per raggiungere un posto vicino “si espone volontariamente ad un rischio non necessariamente connesso all’attività lavorativa per il soddisfacimento di un bisogno certamente procrastinabile e non impellente”. L’impiegata aveva ottenuto in primo e secondo grado un’indennizzo di danno permanente del 10 per cento, ma la Cassazione ha cancellato tutto.

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
On Key

Related Posts

L’omaggio di Civitanova a Pollastrelli

Civitanova renderà omaggio al Cavaliere Giorgio Pollastrelli, presidente storico della sezione Anac, Cavalleria militare marchigiana domenica prossima alle ore 10.30, in Piazza Abba, dove si