E’ nata Ameca, il robot che ci capisce

Riesce a capire anche le nostre emozioni, come giurano gli inventori di Engeneered Arts? Certo è che le espressioni di Ameca, il robot più simile all’essere umano che si sia mai visto, preoccupano: è come se ci capisse perfettamente. La gamma di reazioni dell’umanoide è vasta e sempre in linea con i nostri comportamenti. Se non ci intende, la sua faccia è quella di una persona infastidita, se le interessano i nostri movimenti reagisce con curiosità, stupore o addirittura felicità con una naturalezza che ha sorpreso il mondo tecnologico dal quale proviene Ameca.

L’umanoide pesa poco meno di 50 chili ed è alto/a – avranno sesso i robot o hanno già oltrepassato la questione? – un metro e ottanta, dispone inoltre di una cinquantina di movimenti autonomi. Che fare con Ameca? Con 80mila dollari si può anche averlo in casa, secondo le prime informazioni, ma perchè poi se ne abbiamo tanti, di esseri umani attorno, e ci litighiamo (quasi) sempre?

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
On Key

Related Posts

Willem de Kooning e l’Italia

Alle Gallerie dell’Accademia  di Venezia (tutti i giorni dalle 8.15 alle 19.15, tranne il lunedì 8.15-14, aperta fino al 15 settembre) è stata inaugurata la

Residenze digitali, Amat premia un fanese

Premiata la creatività marchigiana nella quinta edizione di Residenze Digitali, una chiamata nazionale agli artisti della scena contemporanea che vogliano espandere i propri confini esplorando lo spazio

Claudio Bisio, come raccontarsi male

Martedì 23 e mercoledì 24 aprile, alle ore 21.15, salirà sul palco del teatro Rossini di Civitanova Marche un Claudio Bisio accattivante, carismatico e irriverente con La mia vita