Se la bandiera è un optional

A Cardedeu, che lo vogliano o no, dovranno rimettere la bandiera spagnola nel pennone del proprio Comune. Così ha deciso il Tribunale Superiore di Giustizia della Catalogna. Ciò che dovrebbe essere normale non lo è, specie se si considera che la decisione dei giudici è stata presa dopo che un’associazione, chiamata Impulso Ciudadano, ha fatto presente il problema.

Non è stata la Delegazione di Governo catalana, che rappresenta lo Stato di diritto,a muoversi, ma un semplice gruppo di cittadini che probabilmente si è stancato dell’abuso dei diritti fondamentali. C’è una passività sulla questione che sfugge solo a Madrid, mentre nel resto della Spagna se ne ha piena coscienza. Come riporta El Mundo nell’edizione odierna, di 957 Comuni catalani solo 159 espongono la bandiera dello Stato a cui appartengono. E’ normale?

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
On Key

Related Posts

Willem de Kooning e l’Italia

Alle Gallerie dell’Accademia  di Venezia (tutti i giorni dalle 8.15 alle 19.15, tranne il lunedì 8.15-14, aperta fino al 15 settembre) è stata inaugurata la

Residenze digitali, Amat premia un fanese

Premiata la creatività marchigiana nella quinta edizione di Residenze Digitali, una chiamata nazionale agli artisti della scena contemporanea che vogliano espandere i propri confini esplorando lo spazio

Claudio Bisio, come raccontarsi male

Martedì 23 e mercoledì 24 aprile, alle ore 21.15, salirà sul palco del teatro Rossini di Civitanova Marche un Claudio Bisio accattivante, carismatico e irriverente con La mia vita