La lettera di speranza che gli scienziati ucraini hanno inviato al collega civitanovese

La lettera di Anatoliy Zavdoveev è arrivata come un regalo nei giorni scorsi. Lo scienziato dell’Istituto “Paton” di Saldatura Elettrica ucraina, un’istituzione nel campo delle ricerche scientifiche di questo Paese, ha risposto all’ingegnere civitanovese Massimo Rogante, che collabora con il prestigioso organismo, nei giorni più difficili per l’Ucraina, quelli della guerra. “Good Evening Massimo! You have wrote perfect collaboration report! I was trying to add something, but it is brilliant as for me!” comincia la lettera, che trasuda felicità sia per il fatto di avere a fianco amici-scienziati con cui si è lavorato insieme, sia perché l’ingegner Rogante ricordava nel suo report gli 8 anni di collaborazione e le 20 pubblicazioni scientifiche e tecniche internazionali realizzate assieme.

Ho tentato di aggiungere parole a quello che mi hai scritto – dice Anatoliy – ma hai fatto tutto tu brillantemente… Siamo orgogliosi di questa nostra collaborazione. Grazie mille Massimo“. Un ringraziamento che vale mille formalismi: avere le attenzioni di un collega da sempre (di “avventure” scientifiche) è più importante, in queste ore, che qualsiasi cosa.  E mentre le bombe fuori cadono e magari sapendo che questa comunicazione tra gli accademici ucraini e i colleghi sparsi per il mondo potrebbe rarefarsi. “Il Direttore mi dice che quando finirà la guerra continueremo la nostra collaborazione” conclude Zavdoveev. E’ la speranza di tutti e un messaggio di coraggio e amicizia che non verrà dimenticato.

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
On Key

Related Posts

Willem de Kooning e l’Italia

Alle Gallerie dell’Accademia  di Venezia (tutti i giorni dalle 8.15 alle 19.15, tranne il lunedì 8.15-14, aperta fino al 15 settembre) è stata inaugurata la

Residenze digitali, Amat premia un fanese

Premiata la creatività marchigiana nella quinta edizione di Residenze Digitali, una chiamata nazionale agli artisti della scena contemporanea che vogliano espandere i propri confini esplorando lo spazio

Claudio Bisio, come raccontarsi male

Martedì 23 e mercoledì 24 aprile, alle ore 21.15, salirà sul palco del teatro Rossini di Civitanova Marche un Claudio Bisio accattivante, carismatico e irriverente con La mia vita