La leggenda di un avventuriero. Addio a Tullio Moneta

(articolo di Maurizio Verdenelli) – Addio ad una leggenda maceratese: Tullio Moneta. L’ex comandante del 5.Battaglione di stanza in Africa aveva 85 anni ed era ricoverato da tempo in in hospice. Il leggendario maggiore della Legione Straniera era tornato circa 10 anni fa nella ‘sua’ Macerata dove era stato in anni giovanili un campione d’atletica leggera (salto in alto) dopo una vita trascorsa, dopo la carriera militare, in Sud Africa dove lascia due figli – un maschio ed una femmina –  ed alcuni nipoti.

A Johannesburg e’ stato proprietario in zona residenziale di una villa con piscina e fu vicino del presidente Nelson Mandela – cittadino onorario di Macerata al pari del vescovo Tutu – con cui orgogliosamente ricordava di aver allacciato una discreta amicizia. A Macerata aveva scritto con il corridoniano Giorgio Rapanelli un libro di successo (“Mercenario. La vera storia di Tullio Moneta”) che ripercorreva un momento importante della sua vita di celebre mercenario che un film di grande successo interpretato da superstar di Hollywood aveva immortalato (“I quattro dell’oca selvaggia”): il fallito golpe al governo delle Hawai. Del film, Tullio Moneta era stato consulente militare. Il libro fu presentato da chi scrive a La Bottega del Libro a Macerata presenti Moneta, Rapanelli e l’inviato Onu, Emanuele Tacconi. 

Come comandante del 5.Battaglione la sua strada si era intrecciata con quella di un altro grande maceratese, l’inviato Onu Giorgio Pagnanelli, paracadutato a Kindu nell’ex Congo Belga allora dilaniato da una sanguinosissima guerra civile dove 16 caschi blu dell’Onu, tutti italiani partiti per una missione pace dall’aeroporto di Pisa, erano stati trucidati dalla popolazione. Un massacro senza motivazione alcuna, tuttora un mistero orribile. Tullio mi fece in merito una narrazione veridica di impressionante disumanità.

Tullio Moneta con il giornalista Maurizio Verdenelli, autore del libro ‘Il santo petroliere’ (Ilari, 2012) dedicato ad Enrico Mattei

Moneta fu un comandante coraggioso rischiando la vita e salvandosi quasi miracolosamente alle Hawai. Tuttavia aveva ferite dolorose che hanno reso i suoi ultimi anni non privi di dolori fisici. La sua fortissima fibra gli ha permesso di superarli nell’affetto e nella vicinanza degli amici fedeli di gioventù e di altri di più recente acquisizione che il successo editoriale della sua biografia aveva contribuito ad acquisire. Addio, Maggiore Tullio Moneta: ti sia lieve la terra. I funerali si celebrano lunedì a Macerata nella chiesa del Sacro Cuore (ore 9).

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
On Key

Related Posts

L’esodo che verrà

Senza acqua nè luce, nella capitale come nelle città più importanti del Paese, molti ucraini lasceranno, almeno per l’inverno, le proprie case. Si prevede che prima