Macerata, via all’anno accademico. Confermato da Università e Comune il flash mob congiunto di studenti russi e ucraini

(articolo di Maurizio Verdenelli) – “Percosso, come si dice a Roma”. Serpeggia un largo sorriso in teatro alla battuta finale di Francesco Adornato, rettore dell’Università di Macerata a chiusura della lunga cerimonia che ha dato il via al 732.esimo anno accademico. E’ infatti un fuori programma la pergamena con cui studenti e prof hanno voluto ringraziare ‘il rettore dei giovani’ che fra 7 mesi lascia dopo due mandati.

Ed e’ pure un altro fuori programma la conferma che a taccuini squadernati e telecamere accese, il n.1 di Unimc offre (con il sindaco di Macerata, Parcaroli) alle anticipazioni di chi scrive. Sullo scenario della festa Unimc, c’è la guerra: “Sì, è vero, faremo insieme con il Comune di Macerata il flash mob insieme con i 28 studenti ucraini e russi invocando la pace in questa stessa piazza della Libertà dove s’affaccia l’ateneo. Anche nel nome di Puskin, padre della lingua russa, che in quella Odessa ora minacciata andava a sentire la musica del grande marchigiano Rossini”. 

Non è invece un fuori programma invece l’evento organizzato con ‘Pindaro’: il premio di laurea della fondazione Antonio Megalizzi (lo studente giornalista ucciso dai terroristi a Strasburgo) attribuito a Laura Taurino per una tesi  che ha riguardato la Procura maceratese sotto il profilo comunicativo-istituzionale. Sul palco del ‘Lauro Rossi’ ci sono i genitori Domenico ed Anna Maria, e Caterina Moser, la compagnia Antonio. C’è un video sul ‘Ragazzo d’Europa’ e da un palchetto un ragazzo ed una ragazza interpretano un brano: l’omaggio dello staff di Radio Unimc al fondatore di Europhinica. E’ il momento dei brividi. Alla premiazione prende parte la ministra per l’Università e ricerca scientifica, prof. Maria Cristina Messa. Che conosce bene Macerata e fa i complimenti a Francesco Adornato. All’interno del prestigioso genetliaco di Unimc, festeggiato anche un glorioso traguardo nell’Anno europeo dei giovani: il superamento (seppure per solo 22 unita’) della soglia dei 10.000 iscritti provenienti da 80 nazioni.

“Nel 2019 ci eravamo arrivati vicini fermandoci tuttavia a meno 36” ricorda il rettore. In quest’anno di ripartenza (post sisma, post pandemia almeno nella sua fase acuta) Unimc ha voluto celebrare e promuovere il protagonismo dei giovani. La prolusione non è stata dunque tenuta da un docente affermato ma dal presidente del Consiglio degli studenti, Lorenzo Di Nello. E a seguire da ricercatori (Giorgia Vulpiani), dottorandi (Gianmarco Oro, Giovanna Lauria) e da Badr Elshoran, studente internazionale a Macerara per una borsa di studio dopo aver conseguito la laurea in Lingua e Letteratura italiana all’Università del Cairo, Egitto.

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
On Key

Related Posts

L’esodo che verrà

Senza acqua nè luce, nella capitale come nelle città più importanti del Paese, molti ucraini lasceranno, almeno per l’inverno, le proprie case. Si prevede che prima