Che succede sull’energia. In arrivo compensazioni Ue a Repubblica Ceca, Ungheria e Slovacchia

Chiudere la partita prima del 9 maggio, prima del discorso di Putin per le celebrazioni russe. Questa è la linea decisa dalla Commissione Europea, il che significa che Repubblica Ceca, Ungheria e Slovacchia e Repubblica Ceca, oltre ad avere avuto concessioni in termini di tempo sul petrolio russo (possono acquistarlo fino a fine 2024),  dovrebbero ricevere aiuti monetari.

Insomma, la “linea rossa”, quella dell’energia, di cui ha parlato Orban delinearà i nuovi rapporti: se l’Ungheria ha chiesto i fondi Ricovery bloccati, Bruxelles risponderà con un paio di miliardi di euro di compensazioni. Il problema europeo è avere una posizione comune e non presentarsi spaccata nell’immediato futuro. Per una nuova politica energetica indipendente da Mosca non c’è solo da eliminare le dipendenze, ma, come nel caso della Croazia per esempio, riconvertire gli impianti. Altri soldi. Ma non c’è altra via per mostrarsi uniti.

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
On Key

Related Posts

“Una noche con Sergio Bernal” a Fermo

Si illumina Villa Vitali, a Fermo, con il ballerino spagnolo Sergio Bernal. Civitanova Danza – festival dedicato al maestro Enrico Cecchetti, realizzato su iniziativa di Civitanova Marche, dell’Azienda Teatri di

Lasciate sbocciare i cento fiori

E’ stata inaugurata la mostra d’arte “Lasciare sbocciare i cento fiori” (da una famosa frase di Mao): verrà ospitata all’auditorium Sant’Agostino di Civitanova Alta. Il percorso esplora