Benzina a prezzi agevolati solo ad auto ungheresi. E l’embargo al petrolio russo è solo via mare

L’accordo dei 27 Paesi Ue sullo stop al petrolio russo, stante il veto ungherese, dovrebbe avvenire solo via mare tenendo attivi gli oleodotti. La posizione dell’Ungheria è nota da tempo: con una dipendenza energetica dalla Russia dell’85% in quanto a gas e del 65% sul petrolio un embargo totale era da considerarsi quanto meno problematico (anche con una proroga di due anni, fine 2024 contro dicembre 2022). Budapest cerca nell’occasione anche di discutere con l’Europa riguardo ai fondi bloccati di Next Generation Eu.

Intanto, è ufficiale lo stop allo shopping da fuori confine per il carburante. Da qualche giorno solo chi ha targa ungherese può comprare benzina e diesel a 480 fiorini (1,22 euro). Il capo di gabinetto del Premier, Gergely Gulyas, ha sottolineato che “il turismo della benzina che si è sviluppato è una minaccia per la sicurezza degli approvvigionamenti”.

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
On Key

Related Posts

Willem de Kooning e l’Italia

Alle Gallerie dell’Accademia  di Venezia (tutti i giorni dalle 8.15 alle 19.15, tranne il lunedì 8.15-14, aperta fino al 15 settembre) è stata inaugurata la

Residenze digitali, Amat premia un fanese

Premiata la creatività marchigiana nella quinta edizione di Residenze Digitali, una chiamata nazionale agli artisti della scena contemporanea che vogliano espandere i propri confini esplorando lo spazio

Claudio Bisio, come raccontarsi male

Martedì 23 e mercoledì 24 aprile, alle ore 21.15, salirà sul palco del teatro Rossini di Civitanova Marche un Claudio Bisio accattivante, carismatico e irriverente con La mia vita