L’accordo Ue sull’embargo al petrolio russo non c’è. L’Ungheria mette il veto sulle sanzioni a Kirill

Tutti gli sforzi diplomatici sono serviti a poco di fronte al veto ungherese. Le misure che l’Europa aveva preparato sull’embargo al petrolio russo non sono ancora state varate perchè Budapest ha rilanciato su una questione secondaria fino a ieri: vuole infatti che il patriarca Kirill, massima autorità della Chiesa Ortodossa russa, sia escluso dalle black list colpite negli interessi economici dalla Ue dopo lo scoppio della guerra.

Quattro miliardi di beni congelati al patriarca che ieri, nella riunione di tutti gli ambasciatori dell’Unione Europea, hanno fatto la differenza. Nessun accordo, che va preso all’unanimità, e soprattutto un indebolimento, nei confronti del mondo, delle posizioni comuni contro la Russia. Non è servita neanche l’esenzione temporanea (fino alla fine del 2024) per fare in modo che l’Ungheria continuasse a ricevere il petrolio tramite i vecchi oleodotti come quello di Druzhba. 

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
On Key

Related Posts

“Ensueños de amor” incanta Roma

Il Teatro di Villa Torlonia è stato il magnifico scenario per una rappresentazione unica. “Ensueños de amor”, la meravigliosa opera del maestro Luis Humberto Salgado,

L’omaggio di Civitanova a Pollastrelli

Civitanova renderà omaggio al Cavaliere Giorgio Pollastrelli, presidente storico della sezione Anac, Cavalleria militare marchigiana domenica prossima alle ore 10.30, in Piazza Abba, dove si