Il più libero. Il più originale. Civitanova celebra Wladimiro Tulli a cent’anni dalla nascita

(foto di Luigi Gasparroni) – “Cavalcare i sogni” di Wladimiro Tulli. Civitanova celebra con una mostra all’Auditorium Sant’Agostino il Maestro futurista a cent’anni dalla nascita e a venti dalla morte. Ventuno grandi tele e undici opere ceramiche che ci raccontano “l’artista originalissimo, estroso e dinamico – come lo definisce Enrica Bruni, direttrice della Pinacoteca civica Marco Moretti e curatrice della mostra – che non si lascia contaminare dalle avanguardie del ‘900 e con liricità e ironia, spontaneità e libertà esprime, in tutte le sue opere un futuro gioioso, fantasioso e coloratissimo”.

Mostra suggestiva e coinvolgente, quella di Tulli, con a corredo un saggio scritto nel catalogo da Stefano Papetti, direttore dei Musei Comunali di Ascoli Piceno. La retrospettiva (organizzata dai Comuni di Civitanova, Macerata e Recanati, Fondazione Carima, Regione Marche, con la collaborazione della figlia di Wladimiro, Carla Tulli, e del fratello del Maestro, Piero Alberto) prevede in concomitanza l’apertura straordinaria della Pinacoteca civica, dove si può ammirare il dipinto di Tulli “Arcobaleno spezzato”, che il Comune di Civitanova ha acquistato per potenziare la raccolta.

“Un artista – ha commentato Papetti – che superati gli ottanta anni non esitava a rinnovare il proprio linguaggio, animato da una apertura verso il futuro che ne denota la perenne giovinezza”. La mostra sarà aperta, fino al 28 agosto (ingresso gratuto, visite guidate prenotabili a info@pinacotecamoretti.it) con questi orari: giugno, sabato e domenica dalle 17.30 alle 20.30; luglio e agosto, dalle 20 alle 24.

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
On Key

Related Posts

Nell’olimpo della Dea

(articolo di Giovanni Rodolfi) – Quanti anni sono passati dalla partita contro il Malines. Quante cose sono cambiate. Quanti tifosi sono passati. Di fatto c’è